Abbiamo poco fa sentito al telefono l’ex giocatore della Fiorentina e da tanti anni procuratore, Moreno Roggi, a cui abbiamo chiesto lumi sul calciomercato della Viola, e non solo.

Ciao Moreno, sta facendo molto discutere in questi giorni la situazione di Ianis Hagi. La vicenda poteva essere gestita meglio secondo te dalla Fiorentina?

Non credo che si potesse fare diversamente. Il ragazzo ha bisogno di giocare e se qui non riesce a guadagnarsi il suo spazio, è giusto che torni in Romania, per dimostrare il proprio valore.

Rimanendo sul calciomercato della Fiorentina, quali sono le tue informazioni sui movimenti di Pantaleo Corvino?

Credo che si stia muovendo già principalmente per giugno, in particolare per la sostituzione di Badelj e per una corretta gestione della situazione contrattuale di Babacar. Poi di certo ora (a gennaio) attenderà la giusta occasione, magari per effettuare qualche scambio intelligente.

Visto che tu e tuo figlio avete avuto per parecchio tempo Mattia Perin nella vostra scuderia, come vedi la situazione dei portieri della Fiorentina? In particolare riscatteresti Sportiello o punteresti su Dragowski fin dalla prossima stagione?

Io punterei su entrambi, visto che sono dei buoni estremi difensori, con il polacco che ha più bisogno di tempo per maturare. Possono restare insieme, visto che la Fiorentina ha bisogno di 2 bravi portieri e non di 1 solo.

Che voto dai e con quale motivazione al lavoro svolto fin qui da Stefano Pioli?

Senza alcun dubbio gli do un bell’8! E’ stato bravo a gestire una squadra tutta nuova, da assemblare. Aveva poco tempo e ci sta riuscendo invece alla grande.

Ritieni quindi che la Fiorentina possa alla fine riuscire a centrare il 6′ o 7′ posto in Campionato, che significherebbero qualificazione quantomeno ai preliminari di Europa League?

Questo non lo so, certo me lo auguro! Sono invece sicuro che quantomeno la Viola lotterà fino in fondo per quelle posizioni, e già questo fatto rappresenta un obiettivo molto importante, considerando la rosa così giovane a disposizione.

Giancarlo Sali

Comments

comments