Il direttore sportivo della SPAL ha parlato in conferenza stampa, in occasione della presentazione dei nuovi acquisti, anche della cessione di Igor alla Fiorentina, queste le sue parole:

“A mio avviso, ha fatto anche di più di quello che ci aspettavamo, dato che si tratta di un ragazzo classe 1998, che arrivava da un campionato minore come quello austriaco e che immediatamente ha avuto tre richieste da realtà come Fiorentina, Atalanta e Napoli. Penso sia stata un’operazione che la SPAL si dovrà abituare a fare nel corso dei prossimi anni. Aver preso un giocatore a poco e averlo rivenduto dopo pochi mesi a molto di più, è qualcosa di importante. Noi a Ferrara non guardiamo solo al campo, ma cerchiamo di migliorarci sotto tutti gli aspetti. Per fare questo però servono le risorse. Non abbiamo un magnate che ogni hanno ci mette a nostra disposizione il suo capitale, ma ci dobbiamo costruire il nostro tesoretto”