Diks: “Non gioco perché ho davanti Tello e Bernardeschi. Dani Alves mi ha fatto un doppio regalo per la mia avventura alla Fiorentina”

"Gli dissi, Signor Dani Alves tu sei il mio idolo e sono venuto fin qua per giocare nella Fiorentina. La sua risposta..."

0
868

Arrivano dall’Olanda le parole del giovane terzimo viola di Kevin Diks nella sua intervista a Voetbal International: Perché non gioco? Non è facile avere concorrenti per il proprio ruolo gente come Tello e Bernardeschi. Contro la Juventus ho coronato il mio sogno di incontrare Dani Alves.Gli dissi ‘signor Alves, sono venuto dall’Olanda a giocare nella Fiorentina, ma tu sei il mio idolo. Potrei avere la sua maglietta?’. Lui si mise a ridere e fu molto gentile, mi chiese se ne volessi due. Mi ha detto di seguirlo verso lo spogliatoio della Juve e sono rimasto lì fuori ad aspettare. E’ stato davvero un momento meraviglioso, mi ha dato la buona fortuna per la mia avventura alla Fiorentina. Conservo la sua maglietta e spero un giorno di diventare un grande giocatore come lui” conclude Kevin Diks.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.