Diks: “Non gioco perché ho davanti Tello e Bernardeschi. Dani Alves mi ha fatto un doppio regalo per la mia avventura alla Fiorentina”

"Gli dissi, Signor Dani Alves tu sei il mio idolo e sono venuto fin qua per giocare nella Fiorentina. La sua risposta..."

Arrivano dall’Olanda le parole del giovane terzimo viola di Kevin Diks nella sua intervista a Voetbal International: Perché non gioco? Non è facile avere concorrenti per il proprio ruolo gente come Tello e Bernardeschi. Contro la Juventus ho coronato il mio sogno di incontrare Dani Alves.Gli dissi ‘signor Alves, sono venuto dall’Olanda a giocare nella Fiorentina, ma tu sei il mio idolo. Potrei avere la sua maglietta?’. Lui si mise a ridere e fu molto gentile, mi chiese se ne volessi due. Mi ha detto di seguirlo verso lo spogliatoio della Juve e sono rimasto lì fuori ad aspettare. E’ stato davvero un momento meraviglioso, mi ha dato la buona fortuna per la mia avventura alla Fiorentina. Conservo la sua maglietta e spero un giorno di diventare un grande giocatore come lui” conclude Kevin Diks.

Scarica l’APP di Labaro Viola per Android e per iOS

Comments

comments