Due partite per la svolta, ma soprattutto per evitare il ribaltone. La Roma è in crisi profonda, di gioco e di risultati.

A certificare le difficoltà dei giallorossi sono le facce smarrite, quasi rassegnate, dei giocatori dopo la sconfitta di Bologna. Capitan De Rossi ha provato a darsi spiegazioni al termine della partita, riuscendo solo però a difendere l’operato dell’allenatore Eusebio Di Francesco, a propria volta duro con la squadra dopo il ko del “Dall’Ara”: “Adesso dovrò prendere decisioni per evitare altre figuracce” ha detto l’allenatore abruzzese.

Rivoluzione in vista sul piano tattico e della formazione? Può essere, di sicuro le gare contro ilFrosinone mercoledì sera e contro la Lazio sabato prossimo potrebbero essere decisive anche per il futuro del tecnico, nel mirino della tifoseria, al pari della squadra, ma anche del presidentePallotta, tutt’altro che diplomatico nel commentare la terza sconfitta stagionale: “Sono disgustato”, parole che riecheggiano quelle pronunciate due anni e mezzo fa prima dell’esonero di Rudi Garcia.

Già cominciano a circolare le prime voci sui possibili eredi di Di Francesco. Vincenzo Montella e Laurent Blanc sono ipotesi prese in considerazione, Antonio Conte il sogno della tifoseria, forse irraggiungibile, mentre la prima alternativa, come riporta Il Corriere dello Sport, sarebbe Paulo Sousa.

L’ex allenatore della Fiorentina è attualmente in Cina, al Tianjin Quajian, ma il suo agente, Sem Moioli, starebbe trattando la rescissione del contratto: un particolare sinistro per Di Francesco, se si aggiunge il fatto che lo stesso Moioli si trovava domenica a Londra, dove risiede Franco Baldini, braccio destro di Pallotta.

Italsportpress