31 Luglio 2021 · 21:52
28.7 C
Firenze

Commisso: “Superlega? Avrei smesso di investire. Contrario al sistema chiuso, anche se ho rischiato la retrocessione”

Il Presidente Rocco Commisso torna a parlare della Superlega: "La SuperLega è un progetto fallimentare. Volevano un negozio chiuso solo per ricchi"

Foto di proprietà di ACF Fiorentina. Riproduzione vietata ©

Rocco Commisso, Presidente della Fiorentina, è intervenuto ai microfoni di ESPN, noto portale web spagnolo, per parlare tornare a parlare della Superlega, ribadendo la sua contrarietà alla creazione della competizione parlando dei suoi primi due anni a Firenze. Ecco le sue parole:

Come si è sentito quando ha sentito parlare per la prima volta della Super League?

“Il momento legato alla Superlega è stato confusionario, ma si sono ribellati tutti rapidamente. Ci sono voluti molti, molti anni nella pianificazione e due giorni nella distruzione e di certo non è un buon lavoro sul fronte delle pubbliche relazioni. Hanno solo cercato di copiare parti di un modello americano e di imporlo all’Europa. Beh, non avrebbe mai funzionato, soprattutto nel modo in cui lo hanno fatto. Il calcio non è uno sport per campionati chiusi“.

 

I sostenitori della Super League hanno sostenuto che era necessario rendere il gioco sostenibile a lungo termine e continuare ad attrarre investimenti. Mi chiedo se gran parte dell’investimento che il gioco ha attirato negli ultimi anni sarebbe avvenuto in quelle circostanze. Perché qualcuno dovrebbe iniettare soldi se è quasi impossibile per loro scalare la montagna?

“Quando l’ho comprata stavo lasciando un sistema chiuso negli Stati Uniti e investivo lì perché c’era una possibilità di crescere. Se ci fosse stata la SuperLega non avrei messo soldi e nemmeno Friedkin con la Roma. Per come la vedo io: la torta è la torta. Più questa va ai club più grandi, meno c’è per tutti gli altri. Ma devi ottenere la tua fetta attraverso la meritocrazia, non perchè sei stato accettato dai grandi. Invece, abbiamo visto un progetto guidato in parte da alcuni dei proprietari americani di Liverpool, Manchester United e Arsenal, che volevano un negozio chiuso in cui rimanessero ricchi e tutti gli altri diventassero più poveri“.

 

È rimasto sorpreso dal fatto che la FIFA non fosse altrettanto favorevole alla promozione e alla retrocessione quando si trattava di North American e Major League Soccer?

“Non sono solo appassionato di questo problema, ci ho speso molti soldi. Ho comprato il New York Cosmos per salvarli. A causa della Coppa del Mondo 2026, la FIFA ha deciso di applicare regole diverse in CONCACAF, consentendo un campionato chiuso come MLS. Ebbene, la FIFA dovrebbe avere le stesse leggi per tutti, indipendentemente da dove ti trovi. È un gioco mondiale“.

 

Ne ha parlato con la FIFA?

“Non ancora. Forse lo farò. In America pensiamo di essere diversi e le regole globali non ci riguardano. IN MLS dicono: abbiamo appena addebitato ai proprietari del nuovo club di Charlotte 300 milioni di dollari per entrare nel nostro campionato. Non possiamo quindi voltarci e dirgli sei in pericolo di retrocedere. Anche se, in effetti, con la Fiorentina ho corso lo stesso rischio e, avendo fatto lo stesso investimento, sono in pericolo di retrocessione. Bene, questo dovrebbe far parte del modo in cui il gioco viene giocato in tutto il mondo“.

Di seguito il link per leggere l’intervento completo del Presidente Commisso (CLICCA QUI)

LEGGI ANCHE:

ANTOGNONI: “GATTUSO NOME BUONO PER CALMARE LA PIAZZA, UNO DEI MIGLIORI IN CIRCOLAZIONE”

Antognoni: “Gattuso nome buono per calmare la piazza, uno dei migliori in circolazione”

 

 

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO