26 Gennaio 2022 · 21:10
7.6 C
Firenze

Commisso: “Diritti tv? Ho tifato per Bakish. Sono un duro, non faccio le cose per soldi, difficile capirlo”

Commisso parla dei diritti tv della Serie A negli USA

ViacomCBS ha mantenuto la sua promessa di raddoppiare i diritti sul calcio il 25 marzo, accettando un accordo triennale per portare il campionato sul suo nascente servizio di streaming Paramount Plus, così come CBS Sports e CBS Sports Network. Mentre i termini dell’accordo non sono stati annunciati, i rapporti hanno messo il valore di circa 200 milioni di dollari nei tre anni.

L’accordo che Paramount Plus ha firmato era un aumento del 30% rispetto all’ultimo contratto TV della lega con ESPN Plus. ESPN era un offerente dell’ultimo turno insieme a un’altra azienda senza nome, ma alla fine ha deciso che il prezzo era un po’ troppo alto per i suoi gusti.

ViacomCBS è stata ultra-aggressiva nell’accaparrarsi i diritti del calcio. Oltre all’accordo sulla Serie A, il programmatore ha firmato accordi sui diritti della UEFA Champions League, Europa League, Europa Conference League della prossima stagione, National Women’s Soccer League (NWSL), Brasileiro Série A e Liga Profesional de Fútbol (i campionati più importanti in Brasile e Argentina), e varie partite Concacaf.

Come capo del quinto più grande operatore via cavo negli Stati Uniti, Mediacom ha ovviamente una lunga relazione professionale con la Paramount Plus e il suo CEO Bob Bakish. Ma la connessione di Commisso e Bakish va un po’ più in profondità. Entrambi si sono laureati alla Columbia University, ed entrambi hanno lasciato quell’istituzione della Ivy League con lauree in ingegneria industriale e MBA.

“Rocco ed io abbiamo avuto una lunga e produttiva relazione professionale”, ha detto Bakish in un messaggio e-mail. “Non vediamo l’ora di lavorare con la Serie A e di migliorare la nostra forte linea di copertura calcistica in diretta su Paramount+”.

In un’intervista, Commisso ha detto di aver impartito alcune delle sue conoscenze calcistiche a Bakish, che ha detto essere “un grande uomo” e un negoziatore esperto nel suo stesso diritto. I colloqui per i diritti statunitensi sulla Serie A sono durati circa 18 mesi e hanno coinvolto diverse parti.

“Abbiamo avuto una discussione”, ha detto Commisso, aggiungendo che la conversazione era principalmente intorno allo stato del calcio italiano. “Facevo il tifo per lui perché vincesse. Ha tirato fuori ogni singolo dollaro che pensavo fosse la cosa giusta da chiedere? No. Era meglio di tutti gli altri? Sì. Sarebbe giusto dire che attraverso il mio coinvolgimento, uno: ha ottenuto l’offerta e due: ha aumentato l’offerta”.

Commisso è stato piuttosto generoso con la sua conoscenza del gioco del calcio. Ha consigliato il proprietario del Parma Kyle Krause, CEO di Krause Group, quando stava considerando l’acquisto della squadra di Parma. “Mi ha consultato e l’ho aiutato a prendere una decisione”, ha detto Commisso.

ViacomCBS non ha ancora detto come dividerà le partite tra i servizi di streaming e lineari. Ma è probabilmente una buona scommessa che la connessione Ronaldo sarà giocata su quando inizierà a trasmettere le partite di Serie A in agosto. Ci sono un sacco di partite da guardare, il che dovrebbe solo aumentare il profilo del campionato in generale. Paramount Plus, l’ex CBS All Access allargato, ha i diritti per mandare in onda 400 partite ogni anno – 388 partite di Serie A, 25 partite di Coppa Italia e la Supercoppa Italiana (dove i vincitori di Serie A e Coppa Italia si incontrano in quello che è simile al Super Bowl del calcio italiano) – con partite selezionate da trasmettere su CBS Sports e CBS Sports Network.

Ma qualunque sia il risultato finale, Commisso ha detto che l’esposizione potrebbe essere solo un bene per il calcio italiano.

“In Italia, danno ad alcune delle più grandi squadre un trattamento preferenziale quando ci sono più partite durante il giorno”, ha detto Commisso. “Non sempre, ma per la maggior parte, fanno dell’ultima partita la partita della settimana. Abbiamo partite di venerdì, sabato e domenica. Sono sicuro che loro [Paramount] utilizzeranno Ronaldo. Se fossi in loro farei la stessa cosa”.

Commisso è anche incoraggiato dal crescente numero di proprietari americani nel calcio italiano. Oggi ci sono cinque club di proprietà di americani nel campionato a 20 squadre: A.C. Milan, A.S. Roma, A.C.F. Fiorentina, Parma e Spezia Calcio. Un sesto club, il Bologna F.C., è di proprietà di un canadese.

“Penso che ci saranno altre vendite nei prossimi 12 mesi”, ha detto Commisso. “Saranno gli americani? Non posso dirlo con certezza. Ma il fatto di avere cinque proprietari americani sta cambiando le cose. Portiamo un nuovo modo di vedere le cose, ad alcuni non piace, e abbiamo una grande spinta per migliorare le infrastrutture. Vogliamo tutti fare le cose dal punto di vista delle infrastrutture”.

“Sono un tipo duro quando si tratta della maggior parte delle cose”, ha detto Commisso. “Non lo faccio per fare soldi, lo faccio per restituire al calcio quello che il calcio ha fatto per me e per restituire alla mia Italia. È molto difficile per le altre persone capirlo, ma è un fatto”. Lo riporta nexttv.com.

LEGGI ANCHE, RESISTE LA CANDIDATURA DI GATTUSO. PRIVA DI FONDAMENTO L’IPOTESI TERIM, TRATTA IL RINNOVO CON IL GALATASARAY

Resiste la candidatura di Gattuso. Priva di fondamento l’ipotesi Terim, tratta il rinnovo con il Galatasaray

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO