25 Ottobre 2020 · 11:26
15.4 C
Firenze

Chiesa alla Juventus, realizzato il sogno di suo padre Enrico di vent’anni fa. Il retroscena

Il cerchio per la famiglia Chiesa si è chiuso

“Almeno un paio di volte all’anno – ha scritto il giornalista Marco Bernardini a Calciomercato.com – mi capitava di incontrarli al “Pozzo di bugia” che è un ristorante per buongustai vicino a Forte dei Marmi. Padre e figlio al tavolo un poco in disparte. Era un ritrovarsi che faceva piacere ad entrambi. Di Enrico Chiesa, per anni, ero stato un grande estimatore. Fin dal giorno in cui un esperto intenditore di giovani talenti, il mitico Borea, lo aveva scoperto su un campetto di Pontedecimo e lo aveva portato alla Sampdoria che a quei tempi era un gioiello di squadra dove giocavano Vialli e Mancini sotto la direzione di un autentico maestro come Vujadin Boskov. E fu proprio Mancini a fare da chioccia al giovane attaccante che poi prese il volo per solcare i cieli del calcio importante.

Nel corso del suo viaggio, costellato anche da colpi di sfortuna nera tipo la rottura dei legamenti, trovò dimore prestigiose come la Fiorentina, il Parma e la Lazio. Mai però gli capitò di planare nel luogo che lui avrebbe preferito più di tutti gli altri. “La mia carriera è stata brillante e ricca di soddisfazioni. Certamente ho faticato, ma mi sono tolto un sacco di voglie professionali. Come uomo mi sento appagato e sereno. Ho una bella famiglia e due gioielli di figli. Ho un solo rincrescimento e quando ci penso non posso fare a meno di immalinconirmi un poco. Quello di aver girato in lungo e in largo l’Italia del pallone, ma di non essere mai riuscito a vestire la maglia bianconera della Juventus che ha sempre rappresentato il mio punto di riferimento. Quasi tutti nella vita possono dire di avere un’incompiuta nel cassetto. La mia è questa”. Così mi diceva Enrico Chiesa davanti alla tazzina del caffè che chiudeva la cena.

Di fronte a lui il figlio Federico. Era un ragazzino e anche fisicamente era la fotocopia del genitore. Gentile, educato e persino timido osservava il papà mostrando orgoglio e ammirazione. Ho saputo che è bravo, replicavo, e magari con un pizzico di fortuna potrebbe ripercorrere i tuoi passi di campione e realizzare quel sogno che a te manca nella tua collezione. Un lampo passava nello sguardo del ragazzo e poi la voce di babbo Enrico riportava tutti con i piedi ben saldi a terra. “Calma, non corriamo con la fantasia. Il compito di Federico, oggi, è quello di essere un ragazzo per bene e di studiare. Poi se il suo futuro dovrà essere nel mondo del calcio si vedrà. Saranno gli altri a doverlo dire e certamente non io. In ogni caso se dovesse accadere l’unico suggerimento che mi sento di dargli è quello di divertirsi e di non smettere mai di farlo”. Parole sagge dietro le quali, però, si poteva intuire che anche il padre sarebbe stato felice se il figlio, un giorno, avesse chiuso il cerchio che lui aveva lasciato aperto. Quel giorno è arrivato anche se con qualche tempo di ritardo. Federico Chiesa è un giocatore della Juventus”.

CONDIVIDI

3 Commenti

  1. Età 22 anni, stipendio a Firenze 1,7 alla Juve 5. Restando alla Fiorentina difficilmente (mai) avrebbe giocato in Champions League,
    La Fiorentina è una squadra da mezza classifica (quando va bene), la Juve lotta in Europa ad ogni campionato, onestamente chi, in buona fede, non avrebbe accettato il trasferimento al suo posto? Baggio, Bernardeschi e ora Chiesa, poi ci saranno gli altri perché quando un giocatore emerge aspira giustamente a giocare in squadre di livello.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIMI ARTICOLI

Moggi: “Non capisco come si possa criticare Iachini se gli hanno venduto i migliori”

Luciano Moggi è stato intervistato da Tuttomercatoweb, queste le sue parole sulla situazione attuale in casa Fiorentina “Conosco poco l’ambiente ma se ci sono i...

Nazione, Ribery, troppo dolore alla caviglia, non ce la fa. Torna per la sfida contro la Roma?

Oggi quella di Franck Ribery sembra essere solo una convocazione pro-forma. È uscito infatti malconcio dalla gara contro lo Spezia, troppo il dolore alla...

CALENDARIO