Carlo Conti dopo il successo di Sanremo ha parlato di Fiorentina a radio Bruno, queste le sue parole:

“Il programma portato avanti al Festival negli ultimi tre anni è andato bene, speriamo che anche la Fiorentina segua lo stesso esempio. La prima sera a Sanremo ho sofferto molto, proprio mentre andavo in onda la Roma faceva quattro gol alla Fiorentina. Meno male che poi ci siamo rifatti il sabato contro l’Udinese. Cosa manca alla Fiorentina? Credo ci siano più fatto, forse gli stimoli, ma è facile parlare dall’esterno. A volte tutti ritrovano le motivazioni, come contro la Juventus, ed escono partite del genere. Chiesa è il giocatore che mi fa più sognare. Ha entusiasmo, grinta e forza. È come Gabbani perché entrambi sono bravissimi e hanno dei valori. Speriamo che assieme a Bernardeschi, Astori, Sportiello e Saponara sia la base della formazione del futuro dalla quale ripartire. L’idea che ci sia una lingua unica credo sia positiva. Soprattutto oggi che si costruiscono tante Bebele calcistiche” conclude Carlo Conti.