27 Luglio 2021 · 03:27
22.7 C
Firenze

Batistuta: “Firenze mi ha capito quando sono andato alla Roma. Il gol contro la Fiorentina…”

Gabriel Omar Batistuta, storico attaccante argentino di Fiorentina e Roma, ha parlato in conferenza stampa durante la Festa del Cinema di Roma, per presentare il suo film “El numero 9”, un racconto della sua vita, parlando anche di calcio:

“Quando ho iniziato sapevo poco, solo tirare e non molto altro. Mi sono impegnato, ho individuato un obiettivo e l’ho perseguito. Ho iniziato a diciotto anni e ho rincorso i miei compagni che erano sempre allenati e avanti a me. Per metà della carriera ho continuato ad imparare.”

Sull’amore dei tifosi: “Ero simile alle persone, nessuno mi ha mai visto fuoriclasse come Messi, CR7 o Maradona. Loro hanno sempre saputo giocare, io ho dovuto imparare. Io sono una persona normale. Per questo i tifosi mi hanno sempre amato”.

Sul concetto di vittoria: “Nel mondo del calcio vincere è molto difficile, io ho vinto poco in carriera, ma ho raccolto molto amore da parte dei miei tifosi, ed il rispetto di tutti gli altri, da Firenze a Roma, passando per Torino e Milano. Nel calcio serve grande lavoro e dedizione, per quello la Juventus continua a vincere, e non vuole certo fermarsi”.Sul passaggio da Firenze a Roma: “Sono sempre stato trasparente con la gente, ho detto ai tifosi perché andavo a Roma: Firenze mi ha capito, io ho continuato ad amarla. Mi sono imposto il professionismo, quando giocavo per la Roma sembravo nato lì per quanto davo”.

Il gol contro la Fiorentina? “Le lacrime raccontano che ho dato tutto. In quel momento dovevo fare il massimo per la Roma, ero come un impiegato che lavorava.”

Calciomercato.com

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Sport1, lo svincolato Boateng rifiuta la Fiorentina: vuole giocare la Champions. Ci prova il Siviglia

Jerome Boateng rifiuta Fiorentina e Lazio. Il difensore ex Bayern vuole giocare la prossima Champions League

CALENDARIO