Milan Badelj ha parlato alla Gazzetta dello Sport, queste le sue parole:

“Pioli mi ha lasciato tranquillo senza mettermi pressione addosso. Senza bombardarmi con le solite domande tipo “Che fai? Vai o resti? Quando decidi?”. Se ho scelto di rimanere alla Fiorentina è anche merito suo. Fin dal nostro primo incontro si è comportato da uomo vero”.

Allungherà il contratto in scadenza nel giugno del 2018?“In questo momento non è un tema di discussione. Ma io sto bene nella Fiorentina”.

In questi mesi è stato avvicinato da tanti club.“Il Milan è stato più vicino di altri. Ma non vicinissimo”.

Inizia un nuovo ciclo. “Sono arrivati tanti, anzi tantissimi nuovi giocatori. Molti sono giovani. Servirà pazienza. Servirà l’aiuto dei tifosi. Sulla carta ci sono cinque squadre più forti. Noi non dobbiamo porci obiettivi. Dobbiamo vivere alla giornata cercando di farci trovare pronti se qualche grande club andrà in difficoltà. Ma per arrivare davanti a Juve, Napoli, Inter, Milan e Roma servirebbe un miracolo. Dobbiamo dirlo con grande onestà. Sarà già molto complicato duellare con Lazio, Torino, Atalanta e Sampdoria”.

Kalinic sta andando al Milan. “Se viene utilizzato in una certa maniera può fare 20-25 gol. Nikola sbaglia poco davanti al portiere. Ho sperato che rimanesse, ora gli auguro di essere felice”.

Lo sostituirà Simeone. “I miei compagni della difesa mi hanno detto che contro lui bisogna stare svegli, ha fame”.

 

Comments

comments