La partita contro l’Atalanta ha lasciato molto amaro in bocca. E non solo per il disastro arbitrale del signor Pairetto ma anche perché la Fiorentina le occasioni per chiuderla le ha avute eccome.

La più clamorosa resta quella di Babacar, e attenzione, ci sono modi e modi per sbagliare un gol. Baba lo ha fatto nel modo più sbagliato. Sapete perché?

Perché dal primo momento in cui l’attaccante senegalese ha messo piede in campo ha avuto un atteggiamento da lavativo. Sempre al posto sbagliato nel momento sbagliato. Mai un recupero palla, mai una punizione per far salire la squadra e dar fiato ai compagni. Nulla. Ecco perché lo stesso pubblico che al suo ingresso in campo ha acclamato Babacar, mezz’ora dopo gli ha gridato contro.

Guardando la gara si aveva l’impressione che fosse quello che le aveva giocate tutte e che aveva più minuti nelle gambe. Sembrava già stanco, svogliato.

Solo qualche giorno fa l’attaccante si è voluto sfogare su Instagram postando un duro messaggio preso da ‘Malcom X’: “I media sono la più potente entità sulla terra. Essi hanno il potere di rendere gli innocenti colpevoli e di fare il colpevole innocente, e questo è potere. Perché controllano le menti delle Masse”.

Spesso quando si attaccano i giornalisti si hanno consensi facili per partito preso, invece Baba ha raggiunto il record di far dare ragione in questo caso a tutti i giornalisti.

Come puoi attaccare i giornalisti dopo quella vergognosa prestazione di domenica? Cosa avrebbe dovuto raccontare di diverso la stampa?

Ultimamente si sta parlando di Babacar per due aspetti, il primo riguardo l’anomalia del suo ricco contratto, che però non coincide con il campo. La seconda invece riguarda la notizia che circola riguardo la voglia di arrivare a fine contratto con la società viola nel giugno 2019 per poi andare via a parametro zero. Ce l’aveva con queste notizie Babacar? Potrebbe anche essere. Ma di certo dopo il vergognoso atteggiamento mostrato domenica non era indubbiamente il momento giusto per questo sfogo.

Il ragazzo nato e cresciuto in maglia viola parli e dica pubblicamente cosa vuole fare da grande. Oppure invece di parlare, ancor meglio, lo dimostri in campo. Instagram lo lasci ai tifosi.

Sia chiaro. Babacar resta un patrimonio di questa squadra, ha tutto per potersi affermare. Rispetto a Simeone ad esempio, è anche più completo. Ma gli manca la rabbia agonistica, la voglia di conquistare tutto e tutti. Se avesse solo il 10% della voglia che possiede l’attaccante argentino, sarebbe un attaccante di livello europeo.

Stiamo parlando di un bravissimo ragazzo che ama Firenze e la Fiorentina. Ma che deve cambiare assolutamente atteggiamento sia in partita che in allenamento. Dove anche raccontano di un ragazzo svogliato e con poca voglia.

Passiamo ad Hagi. Il talento rumeno è stato richiesto da diverse squadre in estate in Italia e all’estero. Corvino si era detto favorevole ad una cessione in prestito ma il ragazzo ha detto no per restare a Firenze. Ad oggi una scelta sbagliata. Speriamo che il trend cambi ma sembra molto difficile data la tanta concorrenza nel reparto offensivo. E anche i vari Zekhnini, Lo Faso e Milenkovic non possono sorridere. I milioni spesi per loro sono stati tanti, lo spazio avuto per ora é stato pressoché nullo. Speriamo bene.

Flavio Ognissanti

Comments

comments