L’esperto di mercato Niccolò Ceccarini è intervenuto ai microfoni di Radio Blu: “Cominciando da Badelj penso che i viola vogliano portarlo a scadenza, offerte concrete per lui non ci sono. Il Milan osserva da lontano aspettando l’occasione e avendo delle alternative valide come Biglia della Lazio”.

Prosegue su Kalinic: “Così come Kalinic che i rossoneri valutano 20 milioni di euro, la Fiorentina 30: Lapadula non interessa. Anche l’Inter si era interessata a Kalinic ma non hanno fatto passi avanti concreti. Se Kalinic dovesse rimanere, dovremo parlare di un rinnovo perché il contratto scade nel 2019 e io la vedo dura”.

E sulle possibili alternative: “Se deve partire Kalinic i viola vogliono i soldi: Simeone costa 15, Nestorovski è un’altra ipotesi, però occhio a Corvino che ci tiri fuori dal cilindro un nome mai uscito”.

Spende alcune parole anche sulla situazione di Bernardeschi: “Bernardeschi mi pare chiaro che le possibilità che vada via sono altissime. Se non rinnova vuol dire che non vuol far parte del progetto futuro e la società prende in considerazione l’offerta migliore che è quella della Juventus, pronta a mettere sul piatto 40 milioni più bonus. Torreira della Samp è molto forte, ma vogliono tanti soldi e non so  se si potrà concludere”.

E su quella di Borja Valero: “Borja Valero? L’Inter è molto ottimista di chiudere, Perisic è il sacrificato illustre, appena arrivano i soldi chiudono il bilancio entro il 30 giugno. Su Borja c’è da lavorare sulla cifra finale, si può chiudere a 8 milioni. Borja è estremamente in difficoltà perché vorrebbe restare a Firenze, ma la Fiorentina non sta facendo le barricate per la cessione”.

E conclude sul mercato in entrata: “Nomi nuovi non ce ne sono, finché non parte qualcuno in entrata non si muove nulla”.

Comments

comments