Totti vuol rimanere ma chiede tre milioni, Pallotta uno. Adesso…

L'accordo tra Totti e la Roma è ancora in alto mare: 2 milioni di € di distanza tra le due parti sul rinnovo annuale. Ma l'entourage...

Il rinnovo alla fine si farà, ma Francesco Totti e la Roma non sono così vicini come tutto lascia intravedere, a cominciare dalle sue ultime decisive prestazioni che hanno convinto la società e soprattutto il presidente James Pallotta a prolungare per un’altra stagione la carriera come calciatore del capitano giallorosso, che a settembre compirà 40 anni.

Anche se dall’entourage del giocatore non trapelano conferme, le trattative tra le parti si sono riavviate già da qualche settimana e la voglia di tutti i protagonisti coinvolti è quella di annunciare l’accordo alla vigilia della sfida casalinga con il Chievo, l’ultima della stagione all’Olimpico, con 20 mila tagliandi già venduti e una Curva Sud di nuovo piena.

Ma non sarà semplice arrivare velocemente all’attesa firma, perché se la fumata bianca in fondo appare scontata, le distanze da colmare sono ancora ampie, tanto che nessuno finora si è voluto sbilanciare sull’esito favorevole di una lunga telenovela, che sta accompagnando la Roma in questa fase finale della stagione con un secondo posto (e la Champions diretta) ancora da contendere al Napoli. Lo stesso Totti, qualche giorno fa, uscendo da Trigoria e fermandosi a parlare con un tifoso, non si è detto sicuro: “Il rinnovo? Aspettiamo e vediamo”. Le parole criptiche del numero dieci della Roma.

La situazione, in effetti, è tutta da decifrare. Il dg Mauro Baldissoni, al rientro dal viaggio a Boston, ha riportato a Francesco Totti le intenzioni di Pallotta. E se effettivamente in un primo tempo erano quelle di offrire al giocatore subito il ruolo già concordato da dirigente, adesso sono decisamente cambiate, con l’appoggio dello stesso Luciano Spalletti, che inizialmente sembrava quasi voler ostacolare il rilancio di Totti con la squadra.

Totti invece, ben gestito sul campo da Spalletti, è tornato protagonista, pur giocando pochi minuti, segnando tre reti decisive e aiutando i compagni a battere il Napoli nello scontro diretto di lunedì scorso. Un nuovo ruolo, all’Altafini, pronto a subentrare nel momento del bisogno. Tutto chiarito allora? Assolutamente no, perché adesso tra l’offerta della proprietà americana e le richieste del giocatore ci sarebbe ancora un bel gap e a ballare sarebbero soprattutto i diritti di immagine legati al marchio Roma che negli ultimi anni Totti aveva ceduto in gran parte alla società.

E il problema è proprio questo. Totti per questa sua ultima stagione percepirà in totale circa 3,5 milioni di euro. Per la prossima eventualmente la Roma sarebbe disposta a offrirgli poco più di un milione. Davvero una bella differenza. Ed è qui dunque che mancherebbe totalmente l’accordo.

Accettando uno stipendio decisamente più basso Totti a quel punto vorrebbe riprendersi completamente i diritti d’immagine. Consapevole che continuando a fare il calciatore della Roma garantirà al club molti più introiti dal merchandising, considerando che la sua maglietta, ma anche i tanti gadget con il suo nome e numero, sono in assoluto i più venduti nel negozi ufficiali.

Al contrario per giocare ancora un altro anno, ma lasciando come è adesso molti dei diritti alla Roma, Totti non vorrebbe scendere sotto ai tre milioni di euro di stipendio, visto che evidentemente sa ancora quanto la sua presenza possa valere, sul campo e fuori. Lo si è capito in queste ultime partite. Ora spetta alla società e a Pallotta intendere quanto valga davvero questo ultimo anno di Totti con la maglia giallorossa.

 

Goal.com

Scarica l’APP di Labaro Viola per Android e per iOS

Comments

comments