fbpx
26 Settembre 2022 · 02:05
15.8 C
Firenze

Tifoso Bologna in gravi condizione per aver guardato ragazza in Calabria. Mihajlovic gli manda video

Una tragedia avvenuta in Calabria quella che ha colpito Davide, tifoso del Bologna, che ha avuto la colpa di guardare la ragazza sbagliato

Il Bologna sarà impegnato oggi pomeriggio nella prima giornata di campionato in casa della Lazio, match difficile che vede i favori del pronostico tutti per la squadra di Sarri. Comunque vada, per Sinisa Mihajkovic ci saranno solo applausi, come sempre accade quanto torna all’Olimpico per affrontare i suoi vecchi colori biancocelesti. Il tecnico è reduce da un ciclo di cure all’Ospedale Sant’Orsola per tenere a bada la leucemia diagnosticatagli tre anni fa, ma è carico come sempre e lo ha dimostrato andando a sedersi in panchina in occasione dell’esordio ufficiale nella stagione, la vittoria nel primo turno di Coppa Italia contro il Cosenza.

Adesso si fa ancora più sul serio, è tempo di campionato, ma Mihajlovic nell’immediata vigilia della sfida alla Lazio si è ritagliato un po’ di tempo per registrare un video messaggio indirizzato ad uno sfortunato tifoso del Bologna, Davide Ferrerio, che in queste ore sta lottando per la vita dopo essere stato brutalmente aggredito mentre si trovava in vacanza a Crotone. “È una cosa assurda e inaccettabile, non è possibile, eravamo qua in vacanza come ogni anno”, ha detto la mamma, giudice onorario del Tribunale di Bologna, come si legge sul Corriere della Sera.

Il giovane, 20enne di origini crotonesi ma residente a Bologna, è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Catanzaro in seguito alla selvaggia scarica di calci e pugni di cui è stato fatto oggetto giovedì sera intorno alle 21 da un ragazzo quasi coetaneo. Davide, che era sceso a Crotone come ogni estate, è stato colpito prima da una ginocchiata allo stomaco e poi da un pugno sul viso. La causa scatenante della furia dell’aggressore sarebbe stata banale, pare uno sguardo di troppo ad una ragazza. Il giovane è stato trovato agonizzante a terra dalle forze dell’ordine accorse sul posto. Un’ambulanza lo ha trasportato prima all’ospedale di Crotone in codice rosso per trauma cranico, poi col peggioramento a quello di Catanzaro, dove è intubato in terapia intensiva in gravi condizioni.

Davide avrebbe sicuramente seguito in TV la prima partita in campionato del Bologna, per poi essere presente sugli spalti del Dall’Ara domenica prossima col Verona. Purtroppo non potrà fare né l’una cosa né l’altra, dovendo attingere a tutte le sue risorse per salvarsi la vita.

“È un grande tifoso del Bologna e purtroppo il 21 non ci potrà essere. Facciamo un appello alla società affinché, nel prepartita, mandi un messaggio di incoraggiamento a un suo grande tifoso. Vista la sua passione, merita la vicinanza della società e di essere menzionato – ha detto il fratello – Sono stato a trovarlo in terapia intensiva, so che a lui piacciono i cori dello stadio. Ho provato a mettere l’inno del Bologna e altri cori. Lui in questo momento può comunicare solamente con il battito cardiaco. Ho notato che quando mettevo i cori si alzava leggermente, come avviene nel corpo di tutti noi che siamo persone vive e vegete”. La mamma di Davide ha lanciato anche un appello alla tifoseria rossoblù: “Sarebbe bello anche che qualcuno facesse uno striscione per dare sostegno a Davide”.

Appresa la notizia, Mihajlovic ha registrato un video per far arrivare a Davide tutto l’affetto suo e del Bologna, invitandolo poi – quando auspicabilmente si sarà rimesso – ad assistere agli allenamenti della sua squadra del cuore: “Ciao Davide, so purtroppo quello che ti è successo e mi dispiace molto. Nella vita trovi spesso persone stupide e violente che pensano di risolvere tutto con la forza, ma la vita non funziona così. So che sei in ospedale, so che sei un grande tifoso del Bologna perciò noi tutti tifiamo per te. Speriamo che ti svegli prima possibile e questo messaggio lo puoi sentire e lo sentirai sicuramente mentre stai dormendo. Sono convinto che andrà tutto bene e quando starai meglio sarai mio ospite a Casteldebole a vedere gli allenamenti, fare quello che vuoi, allo stadio, non c’è nessun tipo di problema. Cerca di svegliarti il prima possibile, così ci vediamo prima e ci divertiremo tutti insieme. Ciao Davide, in bocca al lupo”.

Quanto al presunto aggressore, il 21enne Nicolò Passalacqua, senza fissa dimora, è fuggito in macchina, ma è stato poi arrestato con l’accusa di lesioni personali gravissime, capo di imputazione aggravatosi dopo l’interrogatorio – in cui il giovane si è avvalso della facoltà di non rispodere – e diventato tentato omicidio. Contro di lui ci sono le immagini delle videocamere e le testimonianze di alcuni cittadini. Passalacqua è incarcerato a Crotone, mentre sono indagate per favoreggiamento anche due donne che avrebbero avuto un ruolo nella vicenda.

Sulla vicenda ha preso posizione Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria, con una nota: “Esprimo una netta condanna per questo gravissimo e inaccettabile episodio. La violenza – purtroppo le cronache di queste settimane estive, in giro per l’Italia, sono piene di situazioni analoghe – non è mai la soluzione per risolvere eventuali controversie. Chi la usa, in modo leggero e indiscriminato, commete un reato. E per l’aggressore di Davide mi auguro che ci sia una pena esemplare. Desidero inviare la sincera solidarietà della Regione alla famiglia Ferrerio e gli auguri di pronta guarigione al ventenne bolognese, pregando affinché questa brutta storia possa avere un epilogo positivo. La Calabria è la terra della bellezza e dell’accoglienza, e un delinquente non può sporcare l’immagine della nostra Regione. Come istituzione, siamo pronti a costituirci parte civile, al fianco della famiglia di Davide, nei procedimenti giudiziari che ci saranno contro l’aggressore”. Lo ripora Fan Page

ROSATI DICE ADDIO AL CALCIO

Rosati dice addio al calcio giocato: da domani sarà nello staff di Italiano. Cerofolini terzo portiere

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO