Vincenzo Montella ha parlato alla vigilia di Parma-Fiorentina, queste le sue parole:

“Nel secondo tempo contro il Milan l’ingresso della Fiesole ha aiutato la squadra, l’ambiente ci ha aiutato e già in passato l’aveva fatto. Non mi piace fare appelli ma questa squadra ha bisogno di vicinanza ed affetto. Non ci ignorino i tifosi, ci stiano vicino, sono ossigeno per noi, domani mettiamo da parte i rancori.

Ci sono annate che finiscono in gloria ed altri che non finiscono mai. Purtroppo questo ciclo sta finendo in maniera stancante, ma non sono preoccupato della classifica: sono convinto che faremo punti, da lunedì faremo altri ragionamenti

Siamo preoccupati perché non c’è serenità, più passano le settimane e ci allontaniamo sempre di più. Se analizzo le cinque partite di campionato però siamo la terza miglior squadra per pericolosità ma l’ultima per efficienza. Subiamo solo due tiri in porta a partita, ma non è solo questo

Veretout è un giocatore importante e a che se non ha fatto un’annata straordinaria è un giocatore importante per noi, sicuramente non si è espresso ai suoi livelli e noi lo aiuteremo ad esprimersi al 100%

De Rossi? Nella mia scorsa gestione qualcosa c’era stato. Questa volta non l’ho sentito, ma lo sentirò, almeno per salutarlo…”