Giovanni Simeone non conosce fatica. Contro il Torino ha corso ovunque, cercando di sfruttare ogni occasione possibile. Si è disperato sbattendo pure i pugni sul rettangolo verde prima che il pallone si infilasse alle spalle di Sirigu, poi è esploso di gioia. Dal suo arrivo in Europa dal River Plate, in 45 partite giocate in Serie A ha messo la firma su 15 reti, 12 la scorsa stagione e tre quest’anno. Tra i migliori dei suoi coetanei. È l’attaccante viola che ha percorso più chilometri in campo (in media oltre 10 km), perché è così, andando incontro al pallone, aprendo varchi tra gli avversari che riesce a trovare il giusto equilibrio tra divertimento ed efficacia.

Corriere dello Sport Stadio

Comments

comments