4 Dicembre 2020 · 08:43
3.2 C
Firenze

Simeone: “Alla Fiorentina non stavo bene con me stesso. Non avevo fiducia perché non segnavo”

L'ex attaccante della Fiorentina Giovanni Simeone ha parlato della sua esperienza a Firenze, dove segnava pochissimo

Giovanni Simeone è il centravanti del Cagliari, la Fiorentina lo ha venduto per 18 milioni di euro

L’attaccante rossoblù è intervenuto nella trasmissione radiofonica di Radio Deejay, condotta da Fabio Caressa e Ivan Zazzaroni. Simeone ha parlato del suo stato di forma e degli obiettivi personali e di squadra. Ecco alcune dichiarazioni rilasciate dal Cholito riportate da Cagliari News

CRESCITA PERSONALE – «Penso che l’esperienza che ho maturato nel corso degli anni mi abbia aiutato a essere più efficace nei movimenti. Prima correvo tanto ma la squadra non mi trovava. Ora corro meglio, la squadra mi trova e io mi trovo bene con tutti».

NUOVE ESPERIENZE – «Sono contento di essere in Italia perché qua si impara tantissimo, ma è chiaro che per un giocatore è importante fare nuove esperienze anche in altri paesi. Ogni paese ha il suo stile di gioco».

I CONSIGLI DEL CHOLO – «Con mio padre non parlo di cose che riguardano il campo, perché non voglio levare il compito al mio allenatore attuale. Di Francesco mi sta aiutando tantissimo, mi fa crescere molto. È attento ai dettagli, mi fa vedere i movimenti. Credo che lui oggi sia una persona molto importante per me e per la squadra».

OBIETTIVI – «Nel campionato italiano è molto difficile, ma vorrei migliorare i miei numeri e segnare più goal possibili».

JOAO PEDRO – «Joao ha trovato il suo modo di giocare e lo sta portando avanti insieme alla squadra. Rispetto a Pavoletti che è più forte di testa, Joao si muove meglio sulle linee. Ha trovato la continuità e sta facendo molto bene».

MODELLI A CUI ISPIRARSI – «Io da piccolo mi concentravo molto su Battistuta. Cerco sempre i movimenti dentro l’area. Ma ho guardato molto anche Inzaghi e Ronaldo».

OBIETTIVO AL CAGLIARI – «Siamo tutti giovani, parlare di Europa è quello che vorremo. Ma non può essere un obiettivo perché oggi ci concentriamo molto sul crescere. Volere l’Europa è un sogno che ci porta a pensare partita dopo partita a crescere sempre di più»

CAPITOLO FIORENTINA – «Senza il goal viene meno anche la fiducia, che è quella che aiuta un attaccante a giocare bene. Per me la fiducia passa sempre dai goal. È vero che quando sei giovane avere un anno difficile non ti fa trovare bene con te stesso. Ma ho capito che per trovare il goal bisogna restare tranquilli, allenarsi bene e aiutarsi a vicenda coi compagni. Non bisogna essere ossessivo, altrimenti il goal non arriva».

LEGGI ANCHE, LA DENUNCIA: “LA PROCURA APRE INCHIESTA CONTRO LA FIORENTINA MA NON CONTRO LA JUVENTUS”

“Per i giocatori della Fiorentina la Procura apre inchiesta, per la Juventus invece può aprire”

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Petrachi: “Io alla Fiorentina? Per rispetto adesso non voglio parlare. Voglio tornare”

L'ex direttore sportivo di Roma e Torino Gianluca Petrachi ha parlato in esclusiva a Sportitalia, queste le parole del direttore sportivo accostato alla Fiorentina...

Sconcerti: “A Firenze solo la Fiorentina, questo è bello ma brutto allo stesso tempo”

Mario Sconcerti è intervenuto ai microfoni di Radio Bruno Toscana per parlare dei temi caldi in casa Fiorentina

CALENDARIO