20 Ottobre 2021 · 09:49
10.7 C
Firenze

Serie A, idea bolla: test e ritiro permanente ma la metà dei club non ha una foresteria

Una bolla. Un ritiro permanente. Una lunga quarantena. In cui i calciatori, e tutto il gruppo di una squadra di calcio, vivrebbero in «luoghi chiusi» per evitare qualsiasi rischio di contagio.  Oggi, alle 10, la commissione torna a riunirsi, è arrivato il momento di tirare le somme. Il ritiro permanente è lo scudo con cui la macchina potrebbe rimettersi in moto. Il centro di allenamento sarebbe la «casa» dove ricominciare. Partendo con esami specifici, allenamenti individuali o di piccoli gruppi con rispetto della distanza interpersonale. Praticamente azzerando i rapporti con l’esterno. Una soluzione che naturalmente non riguarderebbe solo i calciatori, ma tutti coloro che fanno parte del «gruppo squadra»: tecnici, medici, fisioterapisti, magazzinieri. Una settantina di persone per ogni club. Che praticamente vivrà insieme almeno nella prima fase.

Rispetto a questo programma, però, ci sono almeno due problemi da affrontare. Il primo è la disponibilità dei test. Ed ecco il problema, sollevato anche in questa pagina dal direttore scientifico dell’istituto «Spallanzani»: il calciatore dovrà essere trattato allo stesso modo di un cittadino, fare i conti con i tamponi o i reagenti che ci sono, non avere trattamenti di favore. L’altro punto è proprio la disponibilità delle «case». La soluzione del ritiro permanente s’incaglia nel fatto che una metà dei club di A (e tutti quelli della B) non ha un centro di allenamento con foresteria. C’è quindi da cercare una soluzione non facile. Forse un protocollo alternativo. Lo riporta La Gazzetta dello Sport.

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO