14 Giugno 2021 · 08:11
20.5 C
Firenze

Se un calciatore o uno dei suoi famigliari prendesse il Coronavirus si sospenderebbe tutto il campionato di serie A

E mentre l’orchestrina del pallone nostrano suonava sulle note del «a me interessa salvare l’incasso», «io voglio giocare riposato», «meglio domenica, no meglio lunedì» nessuno sembrava vedere apparire all’orizzonte l’iceberg di una domanda scomoda, antipatica, pessimista, ma che tiene conto del calcolo delle probabilità e del dato di fatto che il calcio non è un’isola a parte (anche se crede di sì): ma che succede se uno tra i, mal contati, 600 giocatori in rosa nelle venti squadre di A o uno tra i mille professionisti che a vario titolo lavorano a contatto con le squadre o uno dei circa 30 arbitri impegnati fin qui, o anche solo uno dei loro familiari, si scopre positivo al coronavirus?

Nessuno vuole trasformarsi in Cassandra, eppure la risposta è semplice: succede che si ferma tutto. E che il campionato rischia di non potersi concludere, altro che balletti di dateoliti di condominio. Ecco perché nei giorni scorsi, tra i dirigenti delle squadre di A, c’è chi cominciava a dare voce a una convinzione che, via via, sta prendendo forma: questo campionato non arriverà in fondo, sarà sospeso magari per riprenderlo e per responsabilità, non si è tirato indietro. Quindi ogni casella sta andando al suo posto.

Corriere della Sera

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

AS, durante Inghilterra-Croazia un tifoso è caduto nello stadio di Wembley

Brutte notizie dall'Inghilterra, un tifoso è stato ricoverato in ospedale dopo una caduta al termine della sfida dell'Inghilterra con la Croazia allo stadio di...

Ex viola, l’attaccante brasiliano Pedro del Flamengo è positivo al Covid-19

L'ex attaccante brasiliano della Fiorentina, Pedro Guillherme, è risultato positivo al Coronavirus. Il giocatore lo ha comunicato sul suo profilo ufficiale di Instagram ma...

CALENDARIO