Doveva essere l’attaccante dei sogni dei tifosi dell’Inter, sin ora Gabigol è stato più che altro l’uomo del sospetto a Milano. A ormai 4 mesi dal suo arrivo il brasiliano è ancora fermo a 16 minuti disputi in gare ufficiale con la sua nuova maglia. Le motivazioni del suo mancato impiego da parte della società iniziano a non reggere più, vi sveliamo quanto sono vere e quanto lo sono meno. Secondo indiscrezioni raccolte da Intedipendenza.net condizione fisica scarsa ed adattamento tattico lento di Gabigol alla nuova realtà son state inizialmente le reali motivazioni che l’han lasciato fuori. Queste però fino alla settimana post derby, quella in cui al giocatore viene comunicata la scelta del club per il suo futuro, il prestito alla Sampdoria dal prossimo gennaio. Di qui la crisi tra l’Inter e Barbosa, il giocatore risponde con un secco no che spiazza i dirigenti interisti.

Promesse non mantenute per Gabigol

Gabigol prende molto male la comunicazione ricevuta dal club, oltre a non accettarla si dice stupito perché in estate tra le tante proposte scelse quella dell’Inter proprio su promessa di essere un protagonista sin da subito. L’entourage del brasiliano è pronto ad andare allo scontro con la dirigenza, per Gabriel esiste solo una soluzione alternativa alla permanenza a Milano, il ritorno al Santos. L’Inter dal canto suo è ‘costretta’ a percorrere solo la strada italiana per il prestito perché non può ulteriormente bruciare un’altra slot da extracomunitario per farlo rientrare ad Appiano Gentile tra 6 o 18 mesi.

Situazione tesa, chi avrà la meglio?

Le parti al momento sono ferme sulle loro posizioni e nessuna delle due sembra voler far un passo verso l’altra. La dirigenza italiana dell’Inter ha dato mandato a Pioli di non schierare Gabigol fin quando non accetterà il parcheggio di gennaio. L’entourage del giocatore dal canto suo aspetterà buone nuove sino a natale dopodiché appare intenzionata a scavalcare Ausilio e soci ed andare a chiarire la situazione direttamente con Zhang Jindong e gli altri del Gruppo Suning. Aggiornamenti insomma sul ‘caso’ Gabigol sono attesi per le prossime settimane, di certo una volta ancora a Milano han dimostrato scarsa capacità di gestire situazioni un pò diverse dal consueto.

Interdipendenza.net

Comments

comments