Le considerazioni di Fiorentina-Juventus 2-1

1) Il rinascimento juventino tanto citato oggi, rimane a Firenze. Gli unici artisti che ho visto stasera avevano una sgargiante maglia viola, e hanno dipinto una serata magnifica fatta di gol e cori incessanti. Quando si fanno dei parallelismi, a volte, si dovrebbe contare fino a 1926.

2) La Fiorentina è sempre più meravigliosamente nelle mani di un ragazzino. Federico Chiesa, classe 1997, un mix di rabbia, cattiveria, furbizia e voglia di spaccare il mondo. Se la fortuna gli da quello che ha tolto al padre, abbiamo in casa un fenomeno vero.

3) Tre parole soltanto: SANCHEZ UN MURO!Non ho altre parole per descrivere la partita di questo giocatore, per la prima volta schierato da centrale destro difensivo. Colpi di testa, intercettazioni continue, lanci e rilanci millimetrici.. Per non parlare della calma che ha dato all’intero reparto. Complimenti Jimy Hendrix, continua a suonare queste meravigliose melodie!

4) Maxi Olivera un altro giocatore che stasera mi ha sorpreso incredibilmente. Ha seguito per 90 minuti Cuadrado, non l’ha lasciato respirare, ha attaccato e difeso con un agonismo e una garra esclusivamente sud-americana. Maxi partita, bravo Olivera!

5) Vincere è bello, vincere contro la Juve è ancora più bello, vincere contro la Juve dopo una partita giocata così è fenomenale! 96 minuti che ricorderemo a lungo, un periodo interminabile che ha visto la squadra più forte d’Italia uscire sconfitta da un’inferno viola. E’ inutile prenderci in giro..quella contro la Juve no è mai una partita come le altre. Stasera possiamo davvero aver cambiare il nostro campionato.

Matteo Fabiani