1 Ottobre 2020 · 09:09
14.4 C
Firenze

Pulgar e Lirola, rivincite sulle critiche. C’è chi ha speso 25 milioni per Lazaro e chi allo stesso prezzo li ha presi entrambi

Il tempo è galantuomo e, spesso, rende giustizia. Basta saper aspettare. Etichette, bocciature (o, al contrario, esaltazioni), giudizi. Troppo spesso la prima impressione è quella che conta. Prendete Pol Lirola ed Erick Pulgar. Due che, fino ad un paio di settimane fa, si vedevano tatuati addosso timbri che parevano impossibili da cancellare.

Bastava farsi un giro sui social network, ascoltare le radio, fare un salto al bar, tra i tifosi. «Abbiamo buttato via soldi», dicevano. «Pagare quasi 25 milioni per due giocatori così significa non capire niente di calcio». Frasi buttate lì sulle quali ora, per fortuna della Fiorentina, si puòsorridere. Può farlo, più di ogni altro, Daniele Pradè.

Quello che questi due giocatori li ha scelti, inseguiti, voluti con tutto se stesso. Ha avuto ragione. Certo, molto del merito va riconosciuto anche a Beppe Iachini. Pensiamo a Lirola. «È troppo tenero, deve diventare più ignorante», disse il mister. La sensazione è che Lirola patisse soprattutto le tante attese che si erano create attorno a lui. Nate non solo dalle sue belle annate col Sassuolo ma anche, e soprattutto, dai 12 milioni di euro investiti per portarlo a Firenze.

Tanti, vero, ma (nel mercato di oggi) nemmeno troppi. Anche perché di specialisti del ruolo non ce ne sono molti. Anzi. L’avvio difficile però, li faceva apparire uno sproposito. Ora no. E basta pensare alle ultime due partite. Con l’Atalanta, Pol, è stato decisivo. E quel gol del 2-1 è il manifesto della sua trasformazione. Lanciato in avanti nonostante la squadra fosse in sofferenza, e in in feriorità numerica. In una parola: coraggio. E poi sabato. Contro il Napoli Lirola è stato ancora tra i migliori: ha annullato Insigne, è stato il terzo calciatore viola per chilometri percorsi (11,784), ha servito un assist al bacio (sprecato) a Castrovilli. È tornato, per intendersi,quello di Sassuolo.

E poi Pulgar. Uniti, i due, da un tracciante di 40 metri che ha squarciato in due il prato del Franchi, contro l’Atalanta. Assist del cileno, e gol dello spagnolo. L’azione simbolo della loro rinascita. Anche l’ex Bologna, nelle ultime due uscite, è stato tra i più convincenti. Al San Paolo, per esempio, ha corso meno del solo Castrovilli, ha recuperato 9 palloni(meno dei soli Pezzella e Dalbert), è stato costantemente nel vivo del gioco. Costo: circa 12 milioni. Meno di 25, per lui e per Lirola, in un mercato dove (giusto per fare un esempio), un «numero uno» come Marotta ne ha spesi 25 per uno come Lazaro, quasi mai utilizzato e, ora, vicino alla cessione. È il calcio, bellezza. E prima di arrivare a sentenza, forse, sarebbe consigliabile un po’ di prudenza. Anche se ora c’è da trovare continuità…

Corriere fiorentino

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Gazzetta, Chiesa, alla Juve non piace il pagamento 10 milioni ora, 30 al riscatto più 20 di bonus

Cinque giorni. O niente. Il gran finale ha tanti attori in commedia, con le loro speranze e le immancabili ansie, visto che il tempo...

Di Marzio, Joshua King è stato proposto alla Fiorentina. Sul norvegese c’è anche il Torino

In caso di partenza di Chiesa, l’eventuale sostituto potrebbe essere Callejon, che sembrava vicino al ritorno in Spagna, a cui i viola pensano da...

CALENDARIO