Poca Fiorentina e il Pescara ne approfitta: per ora decide il gol di Caprari. Espulso Chiesa

Grave ingenuità di Chiesa che nell'arco di pochi minuti rimedia due gialli che costringeranno la Fiorentina in 10 per tutta la ripresa

0
155

Il moscio posticipo del “Franchi”, come da previsioni, regala poco e nulla e la prima occasione degna di nota arriva al 14′ e vale il vantaggio degli ospiti, abili nello sfruttare la disattenzione della retroguardia viola per punire in ripartenza. È Verre che, in percussione, riesce a servire l’accorrente Caprari che, dopo aver messo a sedere Tomovic, fulmina con il destro un incolpevole Dragowski. La reazione della Fiorentina non tarda e, sugli sviluppi di un corner, è Vecino che colpisce al volo trovando la pronta deviazione di Fiorillo. Alla mezz’ora ci prova Chiesa dal limite dell’area: il numero 25 raccoglie un pallone vacante ma da posizione defilata non riesce a centrare lo specchio della porta.

Da registrare l’ingenuità con cui lo stesso Chiesa, nell’arco di pochi minuti, riesce a rimediare due ammonizioni, la prima per aver allontanato il pallone a gioco fermo e la seconda per un evitabile intervento a metà campo, che costringeranno la Viola a giocare in dieci per tutta la ripresa. Il primo tempo tra Fiorentina e Pescara si conclude quindi con gli abruzzesi avanti di un gol.

Gianmarco Biagioni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.