Al termine della partita ha parlato a Sky Stefano Pioli, queste le sue parole:

“Credo che abbiamo le qualità per giocare un calcio propositivo e veloce. Siamo stati bravi ad alternare, abbiamo avuto personalità e attenzione: giocare in casa con questo pubblico ci aiuta. Va bene il tridente con Pjaca, Simeone e Chiesa ma io non dimentico quanto di buono ha fatto Eysseric e tutto il reparto offensivo che abbiamo a disposizione.

A Napoli anche se abbiamo disputato un buon primo tempo e meno il secondo, abbiamo dimostrato tecnica e personalità. Siamo una squadra giovane che può fare la propria partita in qualsiasi campo. Dispiace per l’ultimo quarto d’ora

Il pareggio contro la Samp secondo me è stato giusto per come si è sviluppata la partita: ma è quella la squadra che voglio, sia con le big che con le avversarie meno blasonate. Oggi siamo stati padroni del campo, abbiamo dei valori e li mettiamo in campo.

Oggi Mirallas non era contento, era arrabbiato con me perché pensava di poter giocare dall’inizio ma mi è piaciuta molto la sua reazione. Devo fare delle scelte e a volte tocca penalizzare qualcuno: benissimo questo atteggiamento, questa voglia. E’ così che si gioca e che si reagisce a un’esclusione inaspettata.

Pjaca sa stare in campo e ha grande talento ma deve ritrovare il ritmo, allenarsi è un conto ma giocare è un altro. Deve solo trovare convinzione e maggiore entusiasmo perché non è apertissimo, ma le qualità ci sono tutte.

L’abbraccio di Chiesa? Non so se sia più forte di Federico, si parla già tanto del paragone col papà, evitiamolo di fare anche con il fratelli piccolo (ride). Ora corro a vedere l’inter, dobbiamo già pensare alla prossima”