Stefano Pioli ha parlato dopo Verona – Fiorentina a Sport Mediaset, queste le sue parole:

“Se giochi bene hai più probabilità di vincere, è evidente. Siamo entrati bene in campo, e siamo stati concentrati per l’intera gara.

L’obiettivo del secondo tempo era di non subire goal, cosa che purtroppo non è successo nelle ultime due partite. Il nostro ambiente vuole dei risultati, non dimentichiamoci che siamo ancora all’inizio. I Della Valle stanno facendo sentire il sostegno, averli ancora più vicino farebbe tutti contenti.

Io sono molto felice di allenare la Fiorentina, do il massimo tutti i giorni. Abbiamo cambiato molto, ma adesso abbiamo una bella squadra. Potranno esserci altre difficoltà, ma mi piace come lavora la squadra. Siamo una squadra tutta da scoprire, sarà un campionato equilibrato. Adesso pensiamo al Bologna.”

Queste invece le parole a Sky Sport:

“E’ la vittoria del lavoro che abbiamo fatto in questo periodo. Ci dispiaceva non aver portato a casa risultati positivi nelle prime due gare. Sono soddisfatto dei ragazzi, siamo insieme da poco tempo ed era necessario uno sforzo in più. Questo ci deve far capire che dobbiamo insistere perché ci sono situazioni in cui dobbiamo crescere. 

Sarebbe stato bello se il campionato fosse iniziato oggi. Dobbiamo cercare di mettere in campo il nostro potenziale che secondo me è buono. La società ha preso giocatori di qualità, giovani e con voglia di lavorare. E’ una buona base. 

Il calcio è bello perché ognuno può esprimere la propria idea sul ruolo di Marco Benassi. L’importante è che non abbiamo dubbi io e Benassi. Oggi abbiamo cambiato in corsa le posizioni degli attaccanti esterni e dei centrocampisti. L’importante è avere dei giocatori duttili e che i ragazzi sappiano cosa fare in campo. 

Chiesa ha grandissime qualità di attacco alla porta, di movimento senza palla, di farsi trovare nel posto giusto e grande generosità. Deve migliorare sotto certi aspetti ma è un giocatore che dà tutto e con queste caratteristiche può crescere. Ci si aspetta tanto da lui ma è un ragazzo giovane. Facciamolo crescere, ha la testa sulle spalle. Penso che tatticamente possa essere più pericoloso a sinistra. Ha un grandissimo tiro e giocando in quel posto è più portato a tagliare dentro il campo e agire fra le linee. 

La prospettiva della squadra sia un percorso a medio-lungo termine che ci porterà a un buon livello. E’ presto per stabilire ciò che riusciremo a fare quest’anno. L’importante è che siano arrivati giocatori di qualità. Questo materiale ci porterà in futuro ad ottenere buoni risultati. Ora c’è da crescere e da mettersi a confronto contro avversari difficili”.

Comments

comments