È crisi nera per la Fiorentina che cade ancora a Torino, quarta sconfitta consecutiva per i viola. Ecco le parole di Vincenzo Montella in conferenza stampa.

Siete una squadra in difficoltà?
“Nel primo tempo eravamo poco fluidi e sereni, è da capire il perché. Loro hanno fatto meglio, poi nella ripresa siamo stati più compatti e aggressivi e abbiamo creato 3-4 occasioni. C’è rammarico e rabbia perché non è successo per 95 minuti. Il pareggio poteva essere il risultato più giusto”.

Ha parlato con i dirigenti?
“Sì, con qualcuno sì. Sono arrabbiati e hanno fiducia, dobbiamo avere una reazione in termini di risultati”.

Cosa è successo tra il primo e il secondo tempo?
“Eravamo passivi, poi siamo cresciuti e abbiamo fatto meglio. Non voglio focalizzarmi solo sul primo tempo, ma anche sulla ripresa. Siamo a quattro sconfitte, ma il secondo tempo abbiamo fatto bene: c’è bisogno di pazienza, io nei miei ragazzi ci credo. Però nel Toro mancava Belotti e c’era comunque Zaza, altro attaccante della Nazionale”.

Lei è preoccupato di vivere una stagione di sofferenza?
“Per come avevamo iniziato no, poi abbiamo avuto dei momenti in cui abbiamo alzato l’asticella e ora è un momento delicato. Noi al completo siamo una squadra competitiva”.

Ha parlato con Commisso?
“Non l’ho visto, non gli ho parlato”.

Ha guardato la classifica?
“Prima della partita sì, saremmo potuti essere ottavi con gli altri risultati. E’ una classifica corta, possiamo ancora scalarla”.

C’era un po’ di tensione tra i giocatori?
“Non ci stanno a perdere, questa è la mentalità che dobbiamo avere. Viviamo il nervosismo, ma io so gestirlo visto che ho qualche anno in più rispetto ai giocatori”.

Quanto è importante Ribery?
“Trascina gli altri al pari di Pezzella, come lui è out: entrambi sono leader”.

Un commento su Chiesa.
“Non ci stava a perdere, fisicamente è devastante. Ha qualità fisiche da top”.

Tuttomercatoweb.com