Il presidente della Fiorentina Women’s ha parlato ad una manifestazione in onore delle ragazze viola. Queste le parole di Sandro Mencucci:

“Sicuramente siamo la squadra da battere, avendo vinto Scudetto e Coppa Italia nella passata stagione. Sabato avremo anche la Supercoppa, una possibilità di allungare ulteriormente la nostra striscia di vittoria. Inoltre, siamo stati da esempio per molte squadre, come la Juventus, che nel prossimo campionato femminile presenterà la propria squadra. Questo per noi è un orgoglio, perché stiamo aiutando il calcio femminile a diventare sempre più competitivo. I bianconeri hanno provato a prendere molte nostre giocatrici in sede di mercato, con le ragazze che, stando al regolamento, si sarebbero anche potute svincolare.

Invece non lo hanno fatto, in quanto credono nel nostro progetto. Poi abbiamo aggiunto anche qualche innesto importante per fare bene in una competizione difficile come la Champions. La Juventus sta entrando molto forte in questa realtà, soprattutto da un punto di vista economico. La possibilità di affrontare avversari del genere ci porta ad alzare l’asticella. Chiamo a raccolta tutti i tifosi al franchi, il 4 ottobre, per spingere le ragazze in Champions. Affronteremo una squadra danese, che ha partecipato a questa competizione da ben 9 anni, arrivando nel 2002 addirittura in finale. Spero che la spinta del nostro popolo possa essere decisiva, anche perché la sfida in casa sarà decisiva per poi giocare un buon ritorno.

Della Valle? Si sa, noi fiorentini siamo un po’ complicati. Possiamo litigare su tutto, ma poi ci uniamo nelle cose che contano, come la Fiorentina. Quindi trovo giusto l’appello fatto da Diego Della Valle, che dimostra tutto l’impegno che la famiglia marchigiana ci sta mettendo. Abbiamo cambiato tanto, ma lo facciamo sempre per andare avanti, mai per andare indietro. Abbiamo costruito una squadra nuova, giovane, ricca di talenti e affamata. Gli abbonamenti sono arrivati a 17000, un risultato importante, che mi fa dire che la passione a Firenze è ancora tanta. Domani andremo allo Stadium senza paura, sebbene consapevoli della forza della Juventus.”

Comments

comments