“Addio Pasqual? possibile, ma il comparto sportivo non ha ancora deciso sul suo futuro, lo valuteremo nei tempi e nei modi opportuni”.

Queste le parole di oggi del presidente esecutivo della Fiorentina Mario Cognigni, questa la versione ufficiale della società viola in merito. Quello che sta avvenendo è a dir poco vergognoso. E attenzione, non è solo vergognoso per la società, ma in qualche modo in questo discorso ci entrano, senza volerlo, anche i tifosi viola. Perchè se il capitano della Fiorentina dopo undici anni lascia il club e viene trattato in questo modo in tutto questo ci entrano anche i tifosi e gli innamorati della squadra, perchè una figura cosi, coinvolge inesorabilmente tutti.

Una società seria e riconoscente dovrebbe chiamare il giocatore in questione a tempo debito e dovrebbe far sapere la sua volontà. Continuare o andare avanti? Questo si che spetta al comparto tecnico. Ma questa decisione va presa non ora, nemmeno fra una settimana. Andava presa un mese fa. Per garantire un addio degno ad un giocatore che questa maglia l’ha sposata per davvero. Per più di 300 volte da undici anni a questa parte.

Questa è un po la fotografia attuale della Fiorentina in questo momento. Confusione senza un briciolo di programmazione. Giustamente, se ancora non si sa chi sarà il responsabile dell’area tecnica e chi sarà il prossimo allenatore come si può mai sapere se un giocatore resta o meno. Non fa una piega.

In tutto questo a farne le spese è l’ultimo baluardo viola, dal 2005 giocatore della Fiorentina, più di 300 presenze tra campionato e coppe con la maglia viola cucita addosso. Ne ha rifiutate di offerte capitan Pasqual. Prima il Milan, poi la Roma. Può piacere o non piacere come calciatore, potrebbe anche essere giusta la decisione di separarsi perchè tecnicamente lo staff tecnico non lo ritiene più all’altezza ma questo non è un trattamento da squadra seria che vuole almeno ringraziare un suo giocatore per il contributo dato dopo undici anni di Fiorentina sempre con serietà, onestà e attaccamento. Merce rara in questo momento.

Domenica ci sarà Fiorentina-Palermo, probabilmente sarà l’ultima partita in casa di Manuel Pasqual, o forse no. Non lo sappiamo noi, non lo sa lui e non lo sa nemmeno la società. Una cosa però è certa, questo trattamento Manuel non se lo meritava, assolutamente. Vergogna.

 

Flavio Ognissanti 

Scarica l’APP di Labaro Viola per Android e per iOS

Comments

comments