12 Luglio 2020 · 08:59
23.8 C
Firenze

L’Italia domina ma non sfonda il muro portoghese. A San Siro è 0-0. La cronaca

Grande Italia per un’ora, ma là davanti serve un killer e di questi tempi non ce l’abbiamo. Finisce allora 0-0: il Portogallo è alla Final Four, noi ci consoliamo con una Nazionale che cresce, gioca bene e sa anche lottare. Ora il Mancio deve però assolutamente risolvere il problema del gol. A marzo non si può più sbagliare: inizia la corsa a Euro 2020.

Gli azzurri si schierano senza sorprese. Al centro dell’attacco c’è Immobile, supportato da Chiesa e Insigne. Dietro Florenzi, Bonucci (inizialmente fischiato dalla porzione milanista di San Siro), Chiellini e Biraghi, con il Chiello che tocca quota 100 presenze in Nazionale. A centrocampo i piedi buoni di Jorginho e Verratti “scortati” dai polmoni di Barella. I campioni d’Europa in carica, senza Cristiano Ronaldo, rispondono a specchio. Dentro gli “italiani” Cancelo e Mario Rui, attacco tutta qualità e rapidità con l’ex Milan André Silva in mezzo, Bruma e Bernardo Silva sulle fasce. Il primo tempo è tutto azzurro.

Dopo cinque minuti Insigne spara da 25 metri e Rui Patricio è costretto al grande intervento sulla sua destra. Subito dopo ci prova da fuori Florenzi: diagonale di destro di poco a lato. L’Italia pressa alto, fa possesso palla, si muove con armonia. Spettacolari gli scambi Jorginho-Verratti-Insigne. Il napoletano arretra spesso a supporto dei centrocampisti: una specie di regista sulla trequarti. Al 35′, genialità di Verratti che mette Immobile davanti a Rui Patricio: diagonale non pulitissimo, bravo comunque il portiere portoghese a respingere di piedi. E poco prima dell’intervallo, colpo di testa di Bonucci su azione di calcio d’angolo: palla a lato di un soffio. Il Portogallo? Zero tiri in porta e Bruma che si fa travolgere sotto porta dall’anticipo di Giorgione Chiellini.

Gli azzurri partono bene anche dopo l’intervallo: altro “numerello” di Verratti per Biraghi, cross basso da sinistra e girata di Chiesa deviata in angolo. Quindi destro dal limite di Insigne: a lato. Nel frattempo Chiellini e Bonucci continuano a “sculacciare” André Silva. Entra Joao Mario per Pizzi. E proprio l’interista alza un destro da buona posizione. Mancini gioca la carta Lasagna: fuori Immobile. Al 31′ è strepitoso Donnarumma a mandare in angolo il missile di William Carvalho. L’Italia cala, il centrocampo soffre. Ecco allora Pellegrini per Verratti. L’ultimo guizzo è di Insigne: destro a girare non lontano dal palo alla sinistra di Rui Patricio. Finisce 0-0, come un anno fa con la Svezia. Ma stavolta guardare al futuro fa meno paura.

Gazzetta.it

CONDIVIDI

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIMI ARTICOLI

Brescia-Roma è finita 0-3. In gol due ex calciatori viola, Kalinic e Zaniolo

Brescia-Roma è terminata 0-3. Ha sbloccato la gara Federico Fazio al 48' dopo un primo tempo bloccato sullo 0-0. Al 62' è arrivato il...

Lazio nel caos, rissa sfiorata nello spogliatoio dopo la sconfitta contro il Sassuolo

Come riporta Sportmediaset.it periodo nero per la Lazio, terza sconfitta consecutiva. Gli animi a fine gara si sono accesi. Negli spogliatoi violenta discussione, rissa...

CALENDARIO