Oggi la Repubblica parla del nuovo allenatore della Fiorentina. Il casting per capire chi sarà il sostituto del portoghese è sempre aperto e, nel fine settimana, vivrà un momento decisamente interessante. I viola andranno a far visita a casa Di Francesco. Il tecnico del Sassuolo, al momento, è la prima scelta. Piace a Corvino e, soprattutto, piace ad Andrea Della Valle. Non a caso ha già parlato (più volte) col dg. Non solo. Perché, smentite a parte, i due si sono pure incontrati a casa del dirigente viola. Un faccia a faccia nel quale l’attuale allenatore neroverde ha ascoltato, certo, ma non è rimasto in silenzio. Anzi. Sussurri raccontano di un confronto nel quale l’ex giocatore della Roma ha voluto chiarire con forza i suoi punti di vista. Un atteggiamento che ne testimonia la personalità e che, soprattutto, rende più complessa la strada verso l’accordo. Anche perché su di lui ci sono anche altri club. La sensazione però, è che ottenere il “sì” del tecnico abruzzese sia più difficile del previsto.

L’altro candidato forte era e resta Stefano Pioli. La caduta libera dell’Inter ne ha certificato l’addio al termine della stagione, e la Fiorentina è pronta ad approfittarne. Il problema è che, fino al termine del campionato, lui proverà a convincere Suning. Per sapere se sarà libero o meno, quindi, bisogna aspettare la fine di maggio. Tanto. Forse troppo.

Non si possono però escludere sorprese, ecco allo spuntare l’ipotesi di un contatto tra la Fiorentina e Simone Inzaghi. Ambiente vicini al club di Lotito parlano addirittura di una proposta reale: un contratto di tre anni da oltre un milione netto a stagione. I biancocelesti non hanno nessuna intenzione di farselo scappare, ma queste voci testimoniano come il casting sia tutt’altro che chiuso.