L’allenatore dell’Atalanta, Giampiero Gasperini, ha rilasciato alcune dichiarazioni dalla sala stampa dello stadio “Artemio Franchi”. Queste le sue parole nel post partita di Fiorentina-Atalanta: “La partita è stata confusa dal punto di vista tattico ma qualche opportunità l’abbiamo avuta”.

Prosegue sull’episodio che, a suo dire, avrebbe fortemente condizionato l’andamento dell’incontro: “Penso che la partita sia stata condizionata dall’episodio da rigore e su quello la Fiorentina ha costruito la vittoria. Ci rimangono zero punti e una prestazione tutto sommato buona”.

E su ciò che è avvenuto al fischio finale: “A fine partita? Mi dispiace, è colpa mia. Ho detto a Pioli che l’episodio di Milano non era rigore ma a fine partita i toni erano un po’ accesi. Spero che il rigore di oggi non sia un compensativo. Quello di oggi è un rigore inconcepibile e ci poteva stare senza VAR, ma non oggi”.

Spende alcune parole anche per Federico Chiesa, la cui azione personale ha portato alla concessione del penalty: “Chiesa simula e ha l’abitudine di fare questi gesti, ora deve cominciare a pagarli”.

Conclude sul momento della sua squadra: “In questo momento realizziamo poco e siamo carenti nell’ultimo passaggio, dovremo lavorare su quello soprattutto. Questo è un campionato difficile per noi, abbiamo tanta pressione e dobbiamo imparare a uscire da queste partite con maggiore consapevolezza. Abbiamo sbagliato due gare con Cagliari e Spal subito dopo l’Europa, ma per il resto abbiamo fatto delle buone prove”.