LA FIORENTINA E UNA SCELTA TRISTISSIMA. ESSERE VITTIMA DEGLI EVENTI PER IL NUOVO ALLENATORE

Il futuro della Fiorentina? Dipende da tre altre squadre. Uno scenario bizzarro ma terribilmente reale

0
723

Ormai sono quasi due mesi che in casa Fiorentina si è aperta ufficialmente la caccia al sostituto di Paulo Sousa sulla panchina viola. Tanti nomi, tante indiscrezioni, tanti incontri, molti intrecci ma fatti zero. Si, perché la società viola nella figura di Pantaleo Corvino sta cercando e incontrato allenatori, sondando terreni inesplorati.

Corvino ha cercato Sarri, Giampaolo, Di Francesco, Pioli, Spalletti.

Non si sa cosa ha proposto loro, cosa ha detto, cosa ha chiesto. Non si sa molto (giustamente) sui loro confronti e chiacchierate. Sta di fatto che dopo due mesi siamo davanti ad un nulla di fatto. Ormai siamo quasi a maggio e la Fiorentina ancora non può programmare davvero la stagione per via di una guida tecnica che ancora non c’è. Ieri l’incontro casuale con Spalletti, un mese fa quello reale con Di Francesco, due mesi fa quello con Giampaolo e così via. Tanto rumore per nulla.

E ancora non sapremo nulla per un po di tempo.

Il motivo? La Fiorentina ha deciso di essere vittima degli eventi. In parole povere la Fiorentina sceglierà il nuovo allenatore dopo aver saputo se Pioli resterà o meno all’Inter, dopo aver saputo se il Sassuolo punterà o meno su Di Francesco, dopo aver saputo se la Roma andrà avanti con Spalletti o meno. Esattamente così.

E in questo modo la Fiorentina resta in balia degli eventi, e lega il futuro della sua squadra ad altre squadre. Se queste tre squadre decideranno tardi sul proprio allenatore la Fiorentina partirà tardi la programmazione per la prossima stagione. Triste verità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.