23 Luglio 2021 · 23:26
26.2 C
Firenze

Il racconto da brividi della rapina a Terzic, speronato e lasciato senza auto in autostrada

Questo il racconto del Corriere dello Sport sulla disavventura capitata al terzino sinistro serbo della Fiorentina Terzic:

Grande paura per Terzic per l’aggressione subita in patria, c’è pure la frattura al setto nasale, confermata dalla stessa Fiorentina. E’ successo tutto nella notte che portava all’alba di ieri, con la complicità del buio, quando il giocatore che la sera precedente era subentrato nei minuti finali ad Adzic, con la Under 21 serba, nella gara persa con la Russia, all’altezza del quartiere residenziale di
Novi Beograd, è stato prima affiancato e poi assalito dai componenti di una banda, tutti più o meno suoi coetanei, che lo avevano messo nel mirino già lungo la rete autostradale. Un’arancia meccanica 2.0, ma stavolta la “visita a sorpresa” del
film, con scorpacciata di violenza, aveva un destinatario ben
preciso.

A confermare il tutto ci ha pensato una nota del ministero
dell’interno serbo, precisando come tre dei quattro malviventi, due donne e un uomo, siano già stati individuati e sottoposti a fermo di 48 ore, con un quarto individuo, al momento ricercato, sospettato di coinvolgimento. Polizia e procura non hanno sottaciuto niente. Nelle
prime ore di mercoledì, proprio quando il ragazzo si stava muovendo verso l’aeroporto, pronto a fare rientro a Firenze dopo aver risposto alla chiamata del Ct Stolica, i quattro, a bordo di un’Audi, hanno bloccato l’auto con a bordo il calciatore sottraendogli vettura, portafogli e documenti.

A suffragare l’accaduto, come riportato dal quotidiano Vecernje Novosti ci sarebbe pure la testimonianza di un tassista, suo malgrado, spettatore dell’aggressione, dal quale sarebbe pure partita la chiamata alle forze dell’ordine. In un primo momento si era persino paventato un tentativo di rapimento (smentito dalla Fiorentina, che invece nella mattinata di ieri parlava di furto dell’auto), con i due uomini che prima avrebbero intimato a Terzic di fermarsi e dar
loro 5000 euro, per poi passare dalle parole ai fatti.

Il difensore, respinta la richiesta, non appena arrivato a Novi Beograd, avrebbe poi tamponato un taxi e sarebbe stato qui che i malviventi lo avrebbero aggredito, obbligandolo ad uscire dalla sua macchina, una Bmw con targa italiana, e tentando in maniera maldestra di nasconderlo indirizzarlo verso il bagagliaio del proprio veicolo.Il terzino, che è stato subito soccorso e condotto in ospedale, rientrerà a Firenze nelle prossime ore: gli è stato concesso una due giorni per smaltire dolore e spavento dopo una notte di violenza incassata gratuitamente. Il ragazzo è atteso a Firenze tra oggi e domani, dopo aver espletato le formalità burocratiche di rito in patria.

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO