20 Ottobre 2020 · 01:34
10.5 C
Firenze

Fiorentina beffata a San Siro: perde a due minuti dal 90′, Vlahovic fallisce il colpo del k.o.

Che Fiorentina super! Ma nel finale spreca tutto

Sono sconfitte diverse da tutte le altre, dalle quali si può uscire distrutti o ancora più forti. Dal 4-3 rimediato dall’Inter la Fiorentina può ripartire con la consapevolezza di una prestazione super che le ha consentito in alcuni tratti della gara di dominare i nerazzurri, ma rischia anche di accusare il colpo psicologico di un’occasione che difficilmente ricapiterà.

Nel primo esame della stagione la squadra di Iachini sfodera un gioco coinvolgente, è favorita dall’amnesia iniziale della difesa interista sul primo cross di Biraghi, ma crea svariate palle gol, sia nel primo che nel secondo tempo, e risponde colpo su colpo all’Inter. Squadra destinata a lottare per il titolo, quella di Conte, forte di una qualità offensiva che le ha consentito di agguantare una partita in picchiata e ribaltarla nel due minuti grazie alle sue punte. Se qualcosa può cambiare nell’immediato è invece proprio l’attacco della Fiorentina, ancora alle prese con la mira sbagliata sotto porta e sul quale pesano inevitabilmente le responsabilità del k.o. Se il prevedibile ritorno dei nerazzurri, nel finale, rischiava di essere ingestibile per una difesa orfana di Pezzella è stato nelle occasioni non concretizzate da Vlahovic, entrato al posto di un Kouamè altrettanto sprecone in area di rigore, che la Fiorentina ha prestato il fianco agli avversari.

E forse non è una coincidenza che il gol vittoria di D’Ambrosio arrivi proprio su una mancata chiusura dell’attaccante serbo, apparso lontano da quello spirito di gruppo che aveva invece guidato la squadra per oltre un’ora di gioco. L’aveva detto Iachini che se la sarebbe giocata a viso aperto, ed è stato così di parola da tener fuori Duncan preferendo in avvio la vena offensiva di Bonaventura. Il risultato è stato una Fiorentina, piena di idee e favorita dal vantaggio di Kouamè con gli uomini di Conte che ci capiscono poco: Amrabat si muove davanti alla difesa senza rinunciare al gioco di prima, Chiesa si vede in chiusura come un terzino d’esperienza, mentre la difesa guidata da Milenkovic conferma i suoi punti di forza. Per una volta anche il Var aiuta i viola convincendo Calvarese a rivedere il rigore concesso per il recupero di Caceres su Lautaro nel primo tempo, ma nella serata che pare perfetta c’è spazio anche per Dragowski che nel secondo tempo è decisivo almeno due volte. Beffato solo dalla deviazione di Ceccherini per il secondo gol di Lautaro, il polacco è miracoloso nel chiudere lo specchio della porta a Lukaku, altrettanto reattivo qualche secondo più tardi sul tiro da fuori di Barella.

Persino Ribery, l’unico in ombra nel primo tempo non solo per il pallone perso dal quale nasce il primo gol di Lautaro, era uscito alla distanza duettando con Castrovilli per il secondo gol consecutivo del numero 10 e soprattutto spaccando la difesa nerazzurra con il diagonale che manda in porta Chiesa per il gol dell’illusorio 3-2. Ma il trionfo sfuma sul fil di lana. Iachini al fischio finale se ne va scuotendo la testa, ma al di là del risultato può certamente ripartire da una prestazione dei suoi da in- corniciare. Lo riporta il Corriere Fiorentino.

LEGGI ANCHE, LE PAROLE DI BEPPE IACHINI DOPO INTER-FIORENTINA

Iachini: “Vlahovic dopo l’errore è uscito dalla partita. Ecco perché ho tolto Ribery e Chiesa”

CONDIVIDI

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIMI ARTICOLI

Di Marzio: “Sarri si libererà dalla Juventus quando avrà la certezza della firma con un’altra squadra. E lo sta facendo”

L'esperto di mercato Gianluca Di Marzio ha parlato alla trasmissione di Rtv38, queste le sue parole sulla Fiorentina: "Sarri si libererà definitivamente dal contratto...

Radio Rai annuncia, Sarri ha risolto oggi il contratto con la Juventus. Fiorentina più vicina

Secondo quanto riportato da Radio Rai, nella giornata di oggi Maurizio Sarri e la Juventus hanno raggiunto l'accordo per la risoluzione immediata del suo...

CALENDARIO