21 Gennaio 2022 · 11:47
5.9 C
Firenze

Di Francesco ha letto ai giocatori gli insulti dei tifosi sui social per caricarli durante la crisi giallorossa

Tanto brutta da non essere vera con Chievo e Bologna, e così bella quasi da fare rabbia con Frosinone, Lazio e Viktoria Plzen. La Roma lo ha rifatto: si è trasformata da ranocchio in principessa nell’arco di pochissimi giorni frastornando la critica e il pensiero dei tifosi. Era già accaduto lo scorso anno a gennaio quando tutto sembrava perso prima della folle galoppata in Champions. Di Francesco ha saputo rialzare la squadra ormai in ginocchio. E’ tornato il gioco, la forma fisica, la cattiveria. Ma come è avvenuto tutto questo. “Grazie al ritiro” dicono in coro i giocatori romanisti. Ecco cosa è accaduto in quei tre giorni a Trigoria

Sin da domenica notte, dopo la sconfitta col Bologna, a Trigoria sono andati in scena una serie di confronti tra l’allenatore e il resto della squadra. Toni alti, qualche piatto rotto (come metafora ovviamente). Ma nessun insulto, solo tanto rispetto e tanta rabbia per come stavano andando le cose. Di Francesco ha fatto presente ciò che non gli piaceva su tutti l’atteggiamento; i giocatori (alcuni di essi) hanno fatto notare al tecnico alcuni difetti su modulo e idee. Eusebio ha ascoltato, senza subire.

Da qui ha avuto il pieno sostegno dei senatori: da Kolarov a Dzeko passando per Manolas, Fazio e ovviamente De Rossi. “Siamo tutti col mister”, il senso del messaggio ai giovani. Tutto questo mentre fuori da Trigoria si scatenava il putiferio mediatico tra chi voleva la testa di Di Francesco e chi chiedeva quella di Monchi. Lo stesso ds è voluto restare a Roma, saltando l’incontro a Madrid con gli altri manager, per mettersi da scudo all’allenatore. “Lui resta qui, non si muove”, il senso del suo discorso.

Altra mossa vincente quella di far leggere ai giocatori le migliaia di insulti arrivate a loro e al club in quei giorni di fuoco. Di Francesco ha preso quella rabbia e l’ha trasformata in stimolo. Da quella rabbia nasce l’esultanza di Lorenzo Pellegrini dopo il gol di tacco al derby.

Di Francesco si è tolto l’abito di integralista, e come ha specificato lui “ho cambiato il mio 4-3-3”. Facendolo diventare un 4-2-3-1 con pedine interscambiabili. Dopo gli esperimenti di inizio stagione, quindi, ecco il modulo che piaceva a tutti a Trigoria. E i risultati sono arrivati: la difesa subisce meno (1 solo gol nelle ultime 3), in attacco si vola (12 gol fatti) e ogni giocatore ha il suo perfetto alter ego in panchina. Fondamentale poi lo spostamento sulla trequarti di Pellegrini che ha dato quella imprevedibilità che mancava.

Calciomercato.com

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO