30 Novembre 2021 · 10:22
4.6 C
Firenze

Dazn fa risparmiare i tifosi, 30 euro al mese per vedere tutta la serie A. No ai salotti post partita

La notizia del giorno è sicuramente quella dell'assegnazione dei diritti tv a Dazn con Sky sconfitto. Si abbassano i costi

I diritti tv del triennio 2021/2024 sono stati assegnati a DAZN: l’emittente è pronta a trasmettere 7 gare in esclusiva, 3 in co-esclusiva, quindi di fatto tutte e 10 le partiti saranno visibili su DAZN, per i prossimi 3 anni, salvo nuovi accordi. L’attuale abbonamento costa 9,99 al mese e prevede la visione di 3 gare della nostra Serie A più calcio estero e altri sport.

La Serie A si andrebbe ad aggiungere a diversi altre competizioni già trasmesse in streaming, dalla Liga alla Ligue 1 fino alla Serie B (ma per il prossimo triennio dovranno essere oggetto di una nuova asta) passando per la MotoGp e l’NFL, oltre a MilanTv e InterTv (in attesa di possibile rinnovo con Discovery per i canali Eurosport).

Previsti nuovi prezzi, naturalmente. Il nuovo abbonamento potrebbe costare circa 30 euro al mese (non sono prezzi ufficiali). Secondo quanto appreso da Calcio e Finanza, infatti, l’ipotesi all’interno del business plan per il prossimo triennio presentato ai club durante l’ultima assemblea sarebbe che l’abbonamento possa costare intorno ai 30 euro (in un range tra 27 e 33 euro indicativamente), in linea sostanzialmente con quello che è il costo oggi di competitor come NowTv (la piattaforma streaming di proprietà di Sky) per lo sport.

Dimentichiamoci gli studi e i dibattiti pre e post partita: Dazn continuerà a offrire un prodotto simile a quello con cui oggi copre le gare in suo possesso, molto minimalista, senza studio e con un format ridotto all’osso nella tempistica. Spesso il segnale dallo stadio si ‘apre’ 15-20 minuti prima del fischio d’inizio e si chiude dopo un rapido giro di interviste.

BUCCHIONI RIVELA: “SARRI DISPOSTO AD ALLENARE LA FIORENTINA. LE SUE RICHIESTE”

Bucchioni: “Sarri vuole parlare direttamente con Commisso: obiettivo concreto a tre anni. Giuntoli…”

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO