26 Ottobre 2020 · 21:49
16.4 C
Firenze

CorSport, Ribery da standing ovation, Montella con le sue mosse trionfa a San Siro. Fiorentina show

Ha incantato il trentaseienne Ribery, uno per cui il tempo sembra essersi fermato e che giustamente è stato omaggiato con una standing ovation che San Siro riserva solo ai fuoriclasse, ma ha impressionato anche Castrovilli, un nome che sul taccuino del ct Mancini c’è già.

Che sarebbe stata una notte da ricordare la Fiorentina lo ha capito in una prima frazione giocata in modo sontuoso e che avrebbe meritato di chiudere avanti di più di un gol. A dispetto del possesso palla concesso ai rossoneri (64% al 45’), i viola hanno dominato sia a livello tattico sia a livello di occasioni create perché il Milan, nonostante avesse gli stessi 11 uomini visti nel discreto primo tempo contro il Toro, stavolta era spento, impreciso e spaesato. Merito anche di Montella che, confermata per la quarta gara di fi la la stessa formazione, ha alzato Castrovilli in pressione su Bennacer, mente del gioco avversario.

Gli uomini di Giampaolo hanno così faticato a costruire azioni pericolose perché non hanno trovato soluzioni alternative: i terzini spingevano male, la mediana era in costante diffi coltà, mentre davanti Piatek era irriconoscibile. Le uniche fiammate arrivavano quando Leao a sinistra entrava in possesso del pallone, ma era troppo poco se paragonato al gioco armonioso che la Fiorentina mostrava.

Pezzella e compagni sapevano sempre quello che dovevano fare: hanno iniziato l’incontro alzando la pressione per impedire al Milan di giocare, ma quando sono passati in vantaggio, sono arretrati tutti dietro la linea della palla per essere ancora più compatti e ripartire grazie alla classe di Ribery e alle volate di Chiesa. Hanno avuto altre palle gol, ma non le hanno sfruttate e Montella non ha gradito.

Per completare l’opera la Viola così ha dovuto attendere la ripresa. Giampaolo ha provato a dare la scossa inserendo Krunic, all’esordio, al posto di Kessie, ma il fallaccio di Musacchio e il rosso (grazie al Var) per il difensore argentino hanno costretto i rossoneri a giocare in inferiorità numerica (con il 4-4-1 e poi con il 4-3-2) il resto della gara. Da quel punto in poi è stata… un’esecuzione e la Fiorentina ha affondato negli spazi con ferocia.

Castrovilli ha firmato il 2-0 e, dopo il rigore sbagliato da Chiesa, Ribery ha fatto innamorare il Meazza con i suoi dribbling e un gol che ha fatto scattare gli applausi di tutti. Il lampo fi nale di Leao non ha reso meno amara la notte rossonera né ha fermato la festa dei fiorentini a San Siro.

Corriere dello Sport

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Commisso: ” Non manderò in fallimento la Fiorentina, se non ci saranno le condizioni non andremo avanti”

Nella sua intervista su italia radio rai, il presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, ha parlato anche dei suoi progetti per il club viola: "Tra l'acquisto...

Da Antognoni a Pradè fino a Iachini. Lettera aperta a Commisso

Caro Commisso, Ripetere sempre che non capisci le critiche perché fin qui hai messo 300 milioni non significa nulla. Con questi soldi hai comprato la...

CALENDARIO