17 Aprile 2021 · 03:40
7.3 C
Firenze

“Ci aspettavamo da Commisso idee per far crescere il calcio. Invece è una copia folkloristica di altri presidenti”

Il giornalista Andrea Di Caro, è andato duro su Commisso nel suo editoriale su Gazzetta.it:

“Rocco Commisso è stato accolto dal calcio italiano con rispetto, curiosità, simpatia e stima per le capacità con cui è riuscito a creare un impero. Il suo slang è stato motivo di sorrisi benevoli e affettuosi, mai di sfottò o ironie. Al contrario di altre proprietà straniere si è subito appassionato seguendo squadra e società in prima persona senza negarsi mai a giornali, radio, siti e tifosi. Per questo ci aspetteremmo che aiutasse il calcio italiano a crescere con idee, novità, consigli di business. Quello che invece stiamo vedendo in azione da domenica sembra più un capopolo e l’ennesima copia, folkloristica, di un certo tipo di presidente di cui abbiamo già troppi esempi. Alle proteste contro gli arbitri siamo abituati, ma la sua invettiva nei toni e nella forma è stata talmente esagerata da risultare non credibile. Non si sentivano certe parole dal periodo nero di Calciopoli. L’accusa alla Juve è un refrain che porta sempre credito presso la propria tifoseria, ancor più se acerrima rivale dei bianconeri. L’episodio del rigore del 2-0 resta dubbio, ma non è scandaloso. Dopo lo sfogo a caldo la notte ha peggiorato le cose e Commisso è andato a Coverciano per chiedere rispetto per squadra e città. Se dopo ogni presunto errore tutti parlassero di disgusto e vergogna, lamentandosi col presidente Figc, il calcio diventerebbe un Far West peggiore di quanto non sia già”.

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

TMW, Gattuso sarà il prossimo allenatore della Fiorentina: pronto biennale con opzione a 2 milioni

La Fiorentina ha rotto gli indugi e ha scelto l'allenatore per la prossima stagione. Tutti gli indizi portano a un nome: Gennaro Gattuso. L'accelerata...

CALENDARIO