di Flavio Ognissanti

Bufera sui tifosi viola dopo quello che è successo ieri a Cagliari. Ma andiamo con ordine e partiamo dalla cronaca.

Minuto 80 circa, un tifoso del Cagliari, presente allo stadio, colto da un malore si accascia e nonostante i soccorsi, non ce la fa e muore. Si chiamava Daniele Atzori, aveva 44 anni. Una tragedia vera. Alcuni tifosi viola presenti nel settore ospiti si rendono protagonisti di un episodio squallido, dato che qualcuno alza il coro “Devi morire”.

Chi si è reso protagonista di questo coro ha sbagliato ed è giusto che venga condannato, in ogni maniera possibile.

Detto questo però, non bisogna generalizzare, quei tifosi viola non rappresentano tutta la tifoseria gigliata nè tantomeno tutto il settore presente ieri a Cagliari.

Sui social abbiamo letto frasi del tipo “Sono gli stessi che poi al minuto 13 si fermano per Astori” e via con gli insulti contro i tifosi della Fiorentina.

Chi generalizza, in ogni campo e situazione non è nient’altro che un grande ignorante. Non abbiamo paura a dirlo. 

Stesso discorso per gli ipocriti, e qui vogliamo provare un po a difendere i tifosi viola che si sono resi protagonisti di questo coro insano e vergognoso, lo ripetiamo. Putroppo però allo stadio spesso ci si lascia andare a queste frasi e imprecazioni, questo non vuol dire volere la morte o le sfortune di una persona. Ma è giusto che chi sbagli, paghi.

E’ notizia di oggi che il Codacons, l’associazione dei consumatori italiani, attraverso una nota, ha chiesto un punizione esemplare per i tifosi viola. Rispondiamo noi: Giusto, avete ragione. A patto che poi questa punizione ci sia per ogni coro simile, in ogni partita, in ogni circostanza. Senza nessuna ipocrisia…