Tanti ex calciatori viola – fra i quali Antognoni, Di Chiara, Carobbi, Malusci e Pioli – si sono recati a Palazzo Vecchio per assistere alla presentazione dl libro “Una vita in gioco”, scritto da Chantal Borgonovo e e Mapi Danna.

Queste le parole di Stefano Carobbi: “Ricordo Stefano come un amico sincero e vero, tra Firenze e Milano abbiamo passato delle annate indimenticabili. Nell’anno con lui e Roberto ci siamo veramente divertiti ed abbiamo scoperto che con queste amicizie una squadra può arrivare a fare cose incredibili”.

Prosegue sul prossimo impegno di campionato: “La Fiorentina è abituata a darci delle soddisfazioni contro la Juventus, l’ultima è stata quel 4-2 che rimarrà nella storia. Speriamo anche per i giocatori, per l’entusiasmo che manca, per riavvicinare la proprietà alla città, guardiamo di fare un buon risultato per ricompattarci un po'”.

Si sofferma sulla sfida contro i bianconeri: “L’arma su cui puntare?  Non abbiamo nulla da perdere, siamo una squadra giovane. La Fiorentina deve avere entusiasmo e si deve divertire in campo, non deve iniziare a pensare ad obiettivi o altro altrimenti cade sempre nel tranello. Venerdì abbiamo la partita importante contro il nemico numero uno, vediamo di portarla in fondo”.

E su Federico Chiesa:” Chiesa? Ha fatto un gol bellissimo, da grande campione. È stato molto freddo anche se alla fine ho temuto andasse fuori. Il suo valore? Difficile fare un prezzo ma per la Fiorentina è inestimabile, senza di lui è difficile costruire un futuro. Speriamo resti sempre con i colori viola perché potrebbe essere un viatico per portare la Fiorentina a quei livelli che il tifoso cerca”.

Spende alcune parle anche per la società: “Il rapporto tra i Della Valle e la piazza di Firenze? Ci sono tutti i presupposti perché, a parte tutte le critiche che si possono fare, hanno reso una società sana anche se al tifoso importa il giusto, ma penso che pian piano la proprietà abbia testa e progetti per portare la Fiorentina dove gli compete”.

Conclude sul mercato di gennaio: “Babacar-Falcinelli? Babacar l’ho avuto da piccolino, ero contento perché aveva grosse potenzialità ma se in tre anni tre allenatori diversi non lo fanno giocare qualcosa da limare ce l’ha anche lui”.

Comments

comments