6 Agosto 2021 · 01:44
19.6 C
Firenze

CACERES: “FIRENZE CITTA’ MAGNIFICA. POSSO GIOCARE OVUNQUE. VOGLIAMO VINCERE CON L’ATALANTA. RIBERY…”

Di Gabriele Caldieron

Nella sala stampa dello Stadio Artemio Franchi è intervenuto il neo acquisto viola Martin Caceres presentato ufficialmente come nuovo calciatore gigliato:

“Cosa l’ha spinta ad accettare Firenze? Ringrazio Pradè, mi aveva contattato tante volte in passato e alla fine ci siamo incrociati. Firenze è una città magnifica, da avversario si nota è una realtà importante, l’ambiente qui è bellissimo.

Difetti difensivi viola del passato ed essere più duri? Sicuramente, ho sempre dimostrato cosa posso fare soprattutto negli spogliatoi ed in campo. Sono un professionista, per me giocare centrale o terzino destro o sinistro non mi fa differenza, ho la fortuna di essere un jolly. Qui sono ad aiutare, darò il massimo.

Firenze casa mia più della Juventus? Spero di si, alla Juventus ho passato tanto tempo è una squadra che ti rimane. Ma spero che la mia famiglia qui stia bene.

Giocatore simile a me in squadra? Difficile dirne uno specie che sono qui da poco. Forse Pezzella perché è sudamericano come me. Spero di giocare il più possibile ed aiutare la squadra. Contro la Juventus ho visto una bella Fiorentina, così come contro il Napoli. A Genoa ci è dispiaciuto molto ma adesso vogliamo fare bene perché anche Ribery sta meglio e dimostra il suo valore. Mancano solo i risultati, speriamo arrivino tre punti contro l’Atalanta.

Ranieri e Chiesa? Ranieri l’ho visto bene, dimostra che anche un primavera può giocare bene. Chiesa si, ma oltre a lui mi ha sorpreso anche Sottil e Castrovilli anche in ottica Nazionale. Federico è un bravissimo ragazzo, umile e tranquillo. Lui è importante che stia con la testa qui, va “coccolato”.

Come sto fisicamente e le impressioni su Commisso? Dalla Coppa America a qui è stato bello, sono contento soprattutto perché Firenze e magnifica: i tifosi sono sempre con la squadra. Commisso e Barone stanno al fianco della squadra e si fanno vedere spesso. Stanno vicini anche al settore giovanile, calcio femminile.

Spogliatoio? Sono cambiati tanti giocatori, tutti vogliono fare qualcosa di diverso, chi è rimasto è convinto di fare meglio dell’anno passato. Si respira aria buona perché gli acquisti sono validi: Boateng, Ribery in primis. Abbiamo entusiasmo, Ribery in allenamento non molla una virgola.

Grande tradizione uruguaiana? Abbiamo tanta “garra” noi nasciamo così, non si impara a scuola, spero di dimostrarla anche qui.

Ruolo che preferisco? Continuo a dire sempre la stessa cosa: la mia disponibilità non fa differenza, anche il portiere se necessario.

La mia mentalità vincente? L’entusiasmo di un ragazzo di 32 anni, altri avrebbero smesso o sarebbero andati a prendere soldi. Io voglio divertirmi e dimostrare che valgo.

Atalanta un bivio? Non ricordo in particolare nessuna mia sfida con loro, abbiamo bisogno di punti. Speriamo di fare il meglio per la società, vogliamo vincere”.

Foto: Stefano Borgi

 

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Pedullà: “West Ham-Milenkovic a 17 milioni. Attenzione al possibile inserimento del Tottenham”

Alfredo Pedullà conferma la trattativa Fiorentina-West Ham per Nikola Milenkovic

Ds Schalke: “Futuro di Nastasic? Sappiamo dell’interesse. Parliamo spesso, questo non è un segreto”

Le parole di Rouven Schröder, direttore sportivo dello Schalke 04, sul futuro di Matija Nastasic

CALENDARIO