Gazzetta, Borja si ritrova contro la sua Fiorentina, sarebbe voluto restare e poi fare il dirigente

Si è tatuato Firenze sulla pelle, poi la rivoluzione viola lo ha fatto vendere all'Inter. Ecco l'estratto dell'articolo della Gazzetta

0
149
Borja Valero Inter

Non voleva andarsene. La sua idea era di allungare per altri due anni il contratto e poi, diventare dirigente. Lo aveva colpito, nei mesi scorsi, il «ritorno a casa» di Antognoni, l’Unico 10. Si era riconosciuto nel sentimento forte che lega da una vita Giancarlo ai colori viola. Voleva diventare anche lui una bandiera. Uno dei simboli di Firenze. A Borja è piaciuta subito l’etichetta di «Sindaco» viola. Lui la città l’ha vissuta dal primo giorno”. Alla fine è arrivato il passaggio all’Inter, sancendo un divorzio che ha animato il dibattito tra i tifosi. Ma sarà trattato da amico domani a San Siro. Temuto ma amico. La rivoluzione viola, invece, renderà indolore l’impatto con gli avversari. Dei vecchi ne sono rimasti pochi. E Astori, l’attuale capitano, non ha mai fatto parte del cerchio magico di Borja.
La Gazzetta dello Sport

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.