Come ci fa sapere Il Corriere della Sera, è un Andrea Della Valle molto scosso e commosso nei giorni della cessione. Al patron mancherà tanto la domenica con la partita (lo ha confidato anche a Commisso durante la trattativa), e ai polsi porta ancora i braccialetti viola, e difficilmente li toglierà. In questi giorni, Andrea si è commosso ripensando a questi diciassette anni, soprattutto per le telefonate dei tanti bambini in difficoltà, per i quali seguire le partite della squadra o ricevere un piccolo dono gigliato era magico. Inoltre avrà ripensato ai momenti magici, alle serate europee ed ad una città che insieme a lui sognava