In sala stampa, ha continuato a parlare Sousa. Queste le sue parole:

“Ho sempre avuto passione per il calcio, ma purtroppo non l’ho mai espresso esteriormente”

Potevi dare le dimissioni a fine anno scorso? Non posso rispondere a questo, io fatto di tutto per la Fiorentina e i miei giocatori.

Quest’anno abbiamo subito 50 gol, qual è la giustificazione? Abbiamo migliorato molto in fase offensiva, abbiamo portato 3 giocatori in doppia cifra. Non siamo stati bravi in transizione e nelle distanze tra reparti. Poi ci sono tanti fattori che condizionano questo..

Nelle sessioni di mercato erano indicati da te i giocatori? Ho sempre fatto l’allenatore e ho cercato di far dare il massimo. Quelli che sono arrivati e quelli che sono rimasti ho provato a farli migliorare.

Cosa ha deluso più l’uomo Paulo Sousa? Ho sempre detto che non siamo imbattibili ma dovevo trasmettere qualcosa in più. Questa è stata la delusione, perchè non ci sono riuscito. Voglio ringraziare giocatori e il mio staff, perchè abbiamo sempre provato a vincere. Ci sono stati tanti miglioramenti per poter rendere, voglio ringraziare i magazzinieri perchè si fanno in quattro per i ragazzi. Voglio ricordare i miei amici di Firenze perchè insieme abbiamo costruito una grande amicizia.

Cosa vuole dire a Firenze? Ha detto che si voleva far ricordare.. Ho già detto, non posso ripetere

Dragowski, Hagi e Saponara. Che ne pensa? Devono avere un futuro, perchè ne hanno le qualità. Drago è forte nell’uno contro uno, ha molta esplosività. E’ migliorato con i piedi perchè era abituato a rilanciare. Gli voglio augurare il meglio. Hagi è straordinario, ambidestro e è migliorato di testa. Deve trovare continuità anche se non è semplice per il suo ruolo. E’ giovane, non ho dubbi che Firenze lo sfrutterà al meglio.

Con la proprietà? Volevamo far migliorare la Fiorentina e nessuno  mi può dire il contrario

Ha mai pensato di lasciare? No, non ho mai voluto

Cosa le lascia la Serie A, le è piaciuta? Io ho lasciato tutto me stesso qua, sapevo che dovevamo competere con squadre e culture calcistiche complicate.

E’ stato bravo a conquistare la Piazza, si aspettava un congedo migliore? Io sono consapevole di aver dato tutto alla Fiorentina, la filosofia e la cultura interna. Sono fiero di questo.

 

Ci sono delle voci che dicono non può più dire delle verità, è vero? Quando si vuole fare i troppo adulti o intelligenti ci si rimette. A volte preferisco fare il bambino e tenere il bavaglio.. A volte delle mie parole sono state mal interpretate.. Voglio comunque ringraziare anche voi, mi avete fatto crescere  (ndr riferito alla stampa).

Matteo Fabiani

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.