Vergogna a Empoli, pugno in pieno volto di un tifoso a Mchedlidze

Dopo la partita persa con il Sassuolo i tifosi hanno voluto incontrare l'attaccante azzurro Mchedlidze e da li è scoppiato il parapiglia

0
534

Più che una discussione un confronto, ma poi la situazione precipita. Se la partita è andata male, insomma, quello che succede dopo Empoli-Sassuolo è ancora peggio. Molto peggio. Con l’azzurro Levan Mchedlidze, peraltro fuori per infortunio, che rimedia un pugno in piena faccia da un sostenitore azzurro e un successivo parapiglia fra gli stessi tifosi, perché in molti vogliono difendere il georgiano, altri chi lo ha colpito.

È finita da non molto, la gara, quando nella vicina via Guido Monaco l’auto del giocatore viene fermata dai tifosi all’angolo con viale delle Olimpiadi. Non è la prima volta, spesso i protagonisti parlano con gli sportivi, ma stavolta la situazione precipita. Mchedlidze rimedia un colpo in faccia, sembra addirittura sferrato da dietro e, visibilmente scosso, viene allontanato a forza (e a fatica) da alcuni sportivi che hanno assistito alla scena. Mentre sull’angolo della strada, però, volano spinte, pugni e schiaffi. Ad avere la peggio proprio chi ha colpito il giocatore.

L’arrivo della Polizia Municipale, prima con un agente in moto e subito dopo con una pattuglia, riporta la situazione sotto controllo. Ma il peggio, ormai, è accaduto. Un fatto grave e a Empoli, finora considerata una sorta di isola felice, con pochi precedenti. E che potrebbe avere degli strascichi.
IlTirreno.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.