TMW: 2016 della Fiorentina da 5,5. E quel rischio di ridimensionamento…

"Tappati i buchi di bilancio resta qualcosa da rivedere sul piano tecnico"

0
183
Firenze, stadio Artemio Franchi, 12.12.2016, Fiorentina-Sassuolo, Foto Fiorenzo Sernacchioli. Copyright Labaroviola.com

Tuttomercatoweb.com, nel consueto pagellone di fine anno, dedica un ampio spazio alla Fiorentina offrendo alcuni importanti spunti di riflessione.

La differenza tra il 2015 e il 2016 della Fiorentina è abbastanza netta, anche nel finale. Dodici mesi fa si poteva parlare di sfida per la Champions League lanciata, con giornate da capolista che facevano presagire qualcosa di più. Peccato che poi i viola abbiano perso lo slancio iniziale, cosa successa anche all’Inter, oltre a un po’ di entusiasmo.

Fino a giugno. A gennaio dovevano arrivare dei puntelli per migliorare la rosa, con la frase “non ci faremo trovare impreparati” che fa ancora sorridere. Perché poi c’è Tino Costa (boh), Zarate (uhm) e Benalouane (mah): in particolare l’arrivo del francese è paradossale, perché non recupera dall’infortunio praticamente mai e poi va a festeggiare con il Leicester proprietario del cartellino. Doveva arrivare Mammana, chi l’ha mai visto: l’unico buon acquisto è Tello, decisamente troppo poco.

Da agosto in poi. Ci sono alcune cose buone, come i rinnovi di Babacar e Bernardeschi, e altre molto meno. Perché Vecino intanto non gioca più titolare, la squadra è decisamente calata sia dal punto di vista del gioco che dei punti, in difesa l’addio a Marcos Alonso di fatto non è stato sostituito. Così come Tatarusanu, vero e proprio punto debole di questi primi mesi, dopo la richiesta per Sportiello. Benino il bilancio, tappati i buchi, tecnicamente la squadra è tutt’altro che alla pari di quella scorsa.

Voto TMW: 5,5. Nella mediocrità generale della Serie A il quinto posto dell’anno scorso è quasi normale amministrazione, perché Lazio e Milan erano tutt’altro che formazioni in grado di impensierire i viola. Ora i punti sono 27, la distanza con il terzo posto è di otto lunghezze (forse nove), e la posizione è la nona. Vendere Kalinic significherebbe ridimensionare ulteriormente la squadra“.

Fonte: Tuttomercatoweb.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui