3 Dicembre 2020 · 17:18
9.9 C
Firenze

CorFio, i sei nazionali che hanno violato la “bolla” rischiano una multa. Come potranno rientrare?

Serve fare chiarezza sulla situazione

L’Asl aveva già espresso parere negativo sulle trasferte dei nazionali, scrive oggi il Corriere Fiorentino. Nonostante questo, ieri sono partiti i sudamericani Lucas Martinez Quarta, Erick Pulgar e dopo essersi allenato in mattinata con la squadra Martin Caceres, oltre al marocchino Sofyan Amrabat e ai serbi Dusan Vlahovic e Nikola Milenkovic (questi ultimi hanno lasciato il ritiro nella notte tra lunedì e martedì). Una scelta — come conferma la stessa Fiorentina — presa in totale autonomia dai calciatori, partiti con voli privati. Evidentemente le pressioni arrivate dalle varie federazioni calcistiche e autorizzate dalla Federazione Internazionale sono state più forti delle indicazioni dell’Asl. La Fiorentina per tutelarsi comunque ha segnalato la partenza dei calciatori all’Asl e alla Procura federale. L’azienda sanitaria fiorentina fa sapere che prenderà tutti provvedimenti previsti in casi come questo. I calciatori, in pratica, rischiano una multa intorno ai 400 euro.

Il club viola non è il solo a essersi ritrovata in un vuoto normativo in cui s’intrecciano interventi a livello sanitario da parte delle istituzioni regionali ed esigenze delle diverse federazioni. In serie A non sono mancate forzature con il caso eccellente di Cristiano Ronaldo partito per il Portogallo e poi risultato positivo al Covid. Anche per questo la società viola si è attivata già nella serata di lunedì quando è stata comunicata l’intenzione di partire da parte dei sei, cautelandosi sotto ogni profilo e segnalando la questione sia alla procura della Federcalcio sia all’Asl. Resta da capire tuttavia come i sei nazionali potranno rientrare al termine degli impegni con le rispettive selezioni e soprattutto se andranno incontro a eventuali sanzioni per aver violato il protocollo che impedisce di abbandonare la «bolla».

In casa viola c’è comunque chi ha scelto diversamente, come gli azzurri oltre all’ivoriano Christian Kouame e al portiere polacco Bartlomiej Dragowski. Anche se convocati dal c.t. Mancini per le gare di Nations League Cristiano Biraghi e Gaetano Castrovilli non si sono infatti aggregati al gruppo che si è ritrovato a Coverciano, stesso dicasi per Patrick Cutrone, Federico Brancolini e Christian Dalle Mura che non hanno risposto alla chiamata in Under 21. Per tutta la giornata di ieri la dirigenza ha infatti cercato di fare luce sulle diverse interpretazioni con l’intento di mettersi al riparo da qualsiasi conseguenza e soprattutto di man- tenere intatta la sicurezza al- l’interno della «bolla».

LEGGI ANCHE, GAZZETTA, PRANDELLI, LA SUA MISSIONE È FAR MATURARE VLAHOVIC: SE IL SERBO NON SVOLTA, A GENNAIO SERVE UN CENTRAVANTI

Gazzetta, Prandelli, la sua missione è far maturare Vlahovic: se il serbo non svolta, a gennaio serve un centravanti

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

La sfida del Franchi risuona per Maran come ultima spiaggia. In caso di sconfitta potrebbe saltare

Rolando Maran è riuscito a superare le ultime notti di riflessione da parte di Preziosi e dei dirigenti del Genoa e siederà in panchina anche contro la...

Le misure del Governo per Natale e Capodanno. Coprifuoco alle 22, no a spostamenti fuori città

Vigilia di tensioni, litigi e dietrofront per il Dpcm di Natale, che conterrà le regole (e le deroghe) destinate a cambiare le abitudini degli...

CALENDARIO