Mario Sconcerti è intervenuto ai microfoni di Radio Bruno: “Mercato? Mi sembra come sempre immobile nella prima parte. La Fiorentina si sta muovendo, non so come ma si sta muovendo”.

Prosegue su Badelj: “Cosa fare con Badelj? Dobbiamo ricordarci sempre che le società contano poco e che questo vale specialmente quando il contratto è in scadenza; a contare è più la volontà del giocatore. Credo sia sciocco parlare di “società che cede” proprio perché è il giocatore a decidere. Stesso discorso vale per Chiesa”.

E con una riflessione sull’operato della società: “In ogni caso autofinanziamento non significa che non si possono prendere buoni giocatori. Oggi credo che ci sia lo spazio (anche a gennaio) per poter prendere almeno due buoni giocatori. Oggi ad esempio investirei su Barella: una mezzala che in questo momento può andare soltanto in una squadra di questo tipo, come la Fiorentina. Noi potremmo dargli la possibilità di esprimersi con continuità per qualche anno”.

Spende alcune parole anche per la stagione della squadra di Pioli: “La stagione? All’inizio ho avuto paura per la Fiorentina. E non paura di arrivare ottavo, ma paura di essere coinvolto in un bruttissimo campionato. Ora se non altro vedo giocare a pallone, questo mi dà la certezza che siamo sulla strada giusta”.

E per uno dei tre portieri: “Dragowski? Contro la Lazio mi è piaciuto molto, ma mi piace anche Sportiello, uno che di errori veri né fa pochi. In conclusione andrei avanti con l’ex Atalanta”.

Conclude con un pensiero su Saponara: “Saponara? Per me potrebbe giocare al posto di Thereau, non lo vedo in rapporto di esclusione con Benassi. Per me possono stare in campo contemporaneamente”.

Comments

comments