Tante soluzioni per la Fiorentina di Pioli. Il punto di partenza è il 4-2-3-1. L’abito scelto fin dall’inizio di questa stagione e che, per il momento, resta il preferito dal tecnico. Un atteggiamento che permette alla Fiorentina di sfruttare al massimo i tanti esterni/trequartisti presenti in rosa ma che, allo stesso tempo, sta sacrificando uno degli acquisti più importanti: Benassi. L’ex Torino non è un trequartista, non è un esterno, e fatica anche ad esprimersi come mediano davanti alla difesa.

Almeno studiando il passato di Pioli, la prima alternativa resta il 4-3-3. Per molti, invece, è il modulo perfetto per questa squadra. Con questo atteggiamento in mezzo si potrebbe vedere il terzetto Benassi (nel suo ruolo preferito), Badelj, Veretout. Davanti, invece, ai lati di Simeone agirebbero Chiesa e uno tra Eysseric, Gil Dias e Thereau. Il sacrificato, in questo caso, sarebbe probabilmente Saponara. Uno sul quale la società ha investito moltissimo. Potrebbe fare la mezzala sinistra, è vero, ma servirebbe un lungo percorso di adattamento.

La variabile è il 4-3-2-1. Cambia poco, se non la posizione dei due giocatori a supporto del centravanti. Più interni. Più trequartisti che ali. In questo modo, anche Saponara, si troverebbe maggiormente a suo agio.

Fonte: La Repubblica

Comments

comments