Celeste Pin è intervenuto ai microfoni di Lady Radio: “Non mi meraviglio più di nulla. Per me era già tutto previsto perché non c’è voglia di migliorare l’organico della Fiorentina. Non c’è la volontà di puntare su giocatori che facciano la differenza, scordiamoci questi acquisti. E’ un dato di fatto. In questo mercato, a conti fatti, sono andate via due riserve e sono arrivate altre due riserve”.

Prosegue sull’operato della società: “Il segnale chiaro della società è arrivato nel mercato estivo. La strada intrapresa dalla società è ben diversa da quella che vorrebbero i tifosi”.

E sull’andamento delle ultime partite: “Per smaltire la delusione della sconfitta contro il Verona non basta un giorno”.

Spende alcune parole anche per la conferenza stampa odierna: “Più che Corvino io oggi mi aspettavo le parole di Diego Della Valle, per spiegare cosa sta succedendo alla Fiorentina. A questo punto un segnale dalla proprietà deve arrivare”.

E conclude con un pensiero proprio sul direttore generale dell’area tecnica: “Corvino? Io sono colpito dalla classifica della Fiorentina anche se lui difende il suo operato. Capisco che voglia difendere ciò che ha fatto. Da quello che ho capito però dal prossimo anno ci sarà una situazione diversa

Comments

comments